Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 354.724.682
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/09/2020

Merate: 13 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 7 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Lunedì 17 settembre 2018 alle 19:30

Paderno: nel 1979 la gara vinta dallo studio De Miranda per un nuovo ponte da 373 mt a doppia carreggiata per auto e treni

L'idea di un secondo ponte, a sud del San Michele, dedicato al traffico veicolare e ferroviario su due livelli e su altrettante carreggiate, si era concretizzata negli anni Ottanta a seguito di un concorso nazionale indetto da Regione Lombardia con le Ferrovie.

L'ingegnere Fabrizio De Miranda


A vincere quella gara, indetta nel 1979, era stato un progetto elaborato dall'ingegnere Fabrizio De Miranda dagli architetti Guido Canella, Michele Achilli ed Antonio Acuto con la collaborazione degli ingegneri Mario De Miranda e Elena Gnecchi Ruscone. Due le fasi che fanno seguito a quel progetto. La prima dal 1980 al 1986 con una serie di approvazioni da parte degli enti coinvolti (province, regioni, comuni, ferrovie). Si arriva quasi a redigere un disciplinare per la progettazione esecutiva quando, nel 1986, per ragioni non chiare, l'iter si ferma. Per qualche anno nulla si muove fino a che, ed ecco la seconda fase, la realizzazione dell'opera è ripresa nel 1992 per volontà di regione Lombardia. Vengono svolti nuovi studi, si aggiorna il progetto e lo si sviluppa ulteriormente sulle base delle richieste e delle considerazioni dei vari enti (regione, ferrovie e provincia) fino ad arrivare a una versione aggiornata nel 1997, con un maggior dettaglio degli innesti stradali.



CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRE

Lo studio consegna, nel mese di dicembre, gli elaborati e da quel momento non se ne ha più notizia. Il ponte pur risultando importante e strategico non viene avviato, forse per questioni burocratiche o molto più probabilmente per mancati accordi tra enti e tra privati che avrebbero dovuto subire espropri, ... L'ordine di grandezza del costo di costruzione del ponte e degli accessi stradali sarebbe stato, attualizzato ad oggi, nell'ordine dei 34 milioni di euro, escludendo tuttavia le spese tecniche, l'Iva e gli espropri. "Dopo la consegna del progetto, ed alcune discussioni nel 1998, la vicenda si è nuovamente fermata" ha raccontato l'ing. Mario Miranda, figlio di Fabrizio, che giovanissimo partecipò alla redazione dell'elaborato "Il ponte San Michele ha poi ricevuto alcuni interventi, ma il traffico stradale e ferroviario è rimasto limitato; fino ai giorni recenti in cui le vicende di Genova hanno forse trasmesso segnali di particolare prudenza ai tecnici responsabili. Naturalmente il nuovo ponte è ben realizzabile, in tempi relativamente rapidi, se le decisioni vengono prese senza troppo indugio; e verrebbero risolti i problemi di viabilità stradale e ferroviaria dell'intera area e si potrebbe allo stesso tempo restituire al vecchio San Michele una nuova tranquillità, ed una funzione meno pesante di quella di ieri, ma di valenza culturale ancora maggiore... Riscoprire l'antico manufatto, la sua storia, il suo progetto e la sua costruzione, esplorandolo ed ammirandolo da vicino, con percorsi tematici, in sicurezza e serenità".

CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRE

Secondo lo studio di ingegneria De Miranda Associati (specializzato nella progettazione di ponti e strutture, realizzati in tutto il mondo) il manufatto avrebbe dovuto essere realizzato poco più a sud dell'attuale, per una lunghezza da sponda a sponda di 373 metri, una campata centrale di 256 metri e un'altezza dalla sede stradale sull'acqua di 80 metri. Due i piani: quello superiore per i veicoli su gomma, a due corsie per una larghezza totale di 15 metri, e quello inferiore per la ferrovia a doppio binario, con portata per carichi elevati ed elevate velocità.

CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRE


Realizzato con un arco in calcestruzzo armato e un impalcato metallico reticolare, il ponte si inseriva nel contesto naturalistico e urbano del territorio, mettendo a riposo, come spiegato dall'ingegnere, il San Michele e rendendolo un esempio di archeologia industriale, adibito al passaggio dei pedoni e trasformato in una sorta di museo a cielo aperto, per illustrarne l'opera di ingegno vecchia di oltre un secolo.

Quel progetto ora è rimasto solo sulla carta.
Sono passati 130 anni dalla "prima pietra" (Clicca qui), quaranta dalla gara per un nuovo ponte e ora, in tutta fretta, ne serviranno due per ... "rimodernare" forse quello esistente?
Saba Viscardi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco