Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 364.999.746
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/20

Merate: 88 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 56 µg/mc
Lecco: v. Sora: 44 µg/mc
Valmadrera: 69 µg/mc
Scritto Lunedì 23 luglio 2018 alle 14:40

La chiusura delle banche in Lombardia danneggia la clientela

“Le banche, anche quelle nazionali, continuano a dichiarare la territorialità un elemento determinante nella loro azione – dichiara Andrea Battistini, segretario generale First Cisl Lombardia - I fatti però inducono a credere che si tratti solo di uno slogan, poiché i processi decisionali sono stati tutti fortemente accentrati, indebolendo il ruolo di chi il territorio lo conosce davvero, perché ci è cresciuto, ci vive e ci lavora. Caratteristiche che portano il lavoratore a credere in un progetto aziendale sulla base di evidenze non solamente algebriche, a riporre fiducia nell'imprenditore e nella sua idea”.
I dati relativi alla chiusura degli sportelli bancari – emersi da una ricerca dell’Ufficio Studi First Cisl - sono un altro elemento che evidenzia il progressivo abbandono del territorio, in particolare nelle aree più lontane dai principali centri urbani, creando potenziali rischi di sicurezza per le persone più deboli e disservizi. In Lombardia, nel periodo 2016/2017 sono stati chiusi ben 374 sportelli (da 5805 a 5431), che diventano -1180 dal 2010 (-17,8%); questo garantisce una copertura parziale del territorio regionale (1.159 comuni lombardi sono serviti da uno sportello bancario, su 1.516 totali).
“Né i mutati comportamenti della clientela, né la digitalizzazione giustificano l’incoerenza di questa scelta – continua Battistini - Il vero obiettivo è il contenimento dei costi, in particolare quelli del personale, attraverso pesanti tagli che interessano il settore da diversi anni, con conseguente perdita di professionalità, diminuzione dell’efficienza nei servizi, indebolimento del legame proprio con quel territorio che le banche, a parole, dichiarano di voler valorizzare. Non può essere questa la strada da seguire”.
Ufficio stampa First Cisl Lombardia
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco