• Sei il visitatore n° 507.037.052
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 19 luglio 2018 alle 17:52

Olgiate, a giudizio per evasione di iva per 2.9 mil. di euro: Panzeri di Tipes è assolto

Era chiamato a rispondere di quanto previsto dall'articolo 2 del decreto legislativo 74 del 2000 che punisce "con la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, avvalendosi di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, indica in una delle dichiarazioni annuali relative a dette imposte elementi passivi fittizi". Quasi 2 milioni e 900 mila euro relativi a quattro diverse annualità d'esercizio, la cifra in contestazione. Quest’oggi Angelo Panzeri, “patron” della Tipes, storica società di autotrasporti con sede ad Olgiate Molgora, ora posta in liquidazione e in attesa dell’omologa del concordato con ramo d’attività da tempo affittato alla cooperative genovese Paratori, è stato sollevato da ogni addebito. Il giudice monocratico Nora Lisa Passoni, all’esito dell’istruttoria dibattimentale, apertasi nell’ottobre dello scorso anno con l’escussione dell’operante delle Fiamme Gialle che ha coordinato gli accertamenti disposti a carico dell’impresa, ha infatti assolto l’amministratore. “Perché il fatto non sussiste” la formula scelta, con le motivazioni della sentenza disponibili poi in 90 giorni. Si chiude così la vicenda giudiziaria vertente prevalentemente sui rapporti intercorsi tra la Tipes e alcune società satellite di diritto estero come la romena Crisana, utilizzata, secondo la ricostruzione della Finanza, come "cartiera", per generare dunque fatture utili ai fini iva. Una ricostruzione “smontata” dall’avvocato Paolo Faini, “scontratosi” nel corso del procedimento, con il sostituto procuratore Paolo Del Grosso, titolare invece della pubblica accusa.
A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco