Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.139.330
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Venerdì 06 luglio 2018 alle 10:05

Cernusco: scuola media 'vulnerabile' ai terremoti. Approvato il progetto di rinforzo

Procede l'iter progettuale per eseguire presso la scuola media Giovanni Verga di Cernusco i lavori di miglioramento sismico. Da qualche giorno il Comune capofila di Lomagna ha approvato il progetto definitivo ed esecutivo dell'intervento. Si attende l'annuncio di quando sarà aperto il cantiere e da allora i tempi previsti per la sua chiusura sono stimati in 120 giorni.

 

Blocco A

Un lasso di tempo in cui la ditta incaricata opererà sostanzialmente per apportare rinforzature alle pareti della struttura che ospita le classi e della palestra attigua. L'intero plesso scolastico è stato suddiviso in sei blocchi dai progettisti. ''Trattandosi di struttura scolastica è preferibile evitare gli spostamenti di aperture nelle pareti portanti a meno che essi non siano finalizzati a riorganizzare la continuità del sistema resistente - scrivono nella relazione generale - Nell'ipotizzare gli interventi saranno da limitarsi le soluzioni che implicano aumento dei carichi permanenti soprattutto in presenza di qualche insufficienza preesistente nelle murature ed inoltre si dovrà garantire la rispondenza del comportamento strutturale alle ipotesi di progetto (stabilità dell'insieme e delle parti, collegamento alle strutture verticali e, se richiesta, rigidezza nel piano)''.

Blocco B

Blocco C e D

Data un'analisi generale agli edifici, ed evidenziato che il blocco delle classi è stato edificato nel 1976 e quello della palestra tra il 1989 e il 1990, i professionisti incaricati dai Comuni hanno evidenziato che ''dal punto di vista delle vulnerabilità specifiche, le valutazioni eseguite hanno permesso di constatare che l'accostamento delle Unità Strutturali 2 e 3 (quello della palestra e la zona degli spogliatoi) non è stato eseguito disponendo un adeguato giunto sismico e pertanto si determina una limitazione dell'altezza dei pilastri presenti lungo l'interfaccia dei due corpi di fabbrica; le analisi eseguite hanno inoltre permesso di riscontrare una deformabilità della struttura verticale dell'US2 risultata superiore al valore limite''.

Anche preso in considerazione l'intero edificio non mancano le criticità riscontrate dai progettisti, che parlano nella loro relazione di ''un'eccessiva irregolarità della struttura, infatti, la pianta quasi ad ''H'' con una zona centrale pressoché quadrata ed appendici esterne regolari molto centrifugate genera una elevata criticità in fase sismica in quanto il centro delle rigidezze ed il centro delle masse si trovano ben distanti l'uno dall'altro e ciò comporta movimenti torsionali con incremento delle sollecitazioni negli elementi più esterni'', di ''una scarsa presenza di armatura all'interno dei e pilastri rendendoli non adeguati ai carichi di normativa'' e di una ''modesta resistenza media dei materiali''.

Problemi evidentemente già noti agli amministratori dei quattro Comuni (Osnago, Lomagna, Cernusco e Montevecchia) che avevano avviato le pratiche per realizzare le migliorie già nell'ottobre del 2016. Ora l'opera, con l'approvazione del progetto definitivo ed esecutivo, sembra in procinto di incominciare. Il primo intervento riguarderà il ''Corpo C'' e il secondo il ''Corpo D'', le due ali esterne rispetto alla parte centrale, detto ''Corpo A'', che sarà rinforzato subito dopo. Poi sarà il turno del ''Corpo B'' e quindi della palestra.

L'importo complessivo dei lavori è di 335mila euro che saranno suddivisi tra i Comuni in base alle rispettive quote di proprietà: Cernusco, con il 22,37%, spenderà 74.939,50 euro, Lomagna con il 29,81% ne metterà 99.863,50 euro, Osnago che ha il 29,23% delle quote 97.920,50 euro e Montevecchia, con il restante 18,59% delle quote, investirà 62.276,50 euro. Per visualizzare la relazione generale ed illustrativa elaborata dai tecnici, CLICCA QUI.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco