Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 347.815.160
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Sabato 16 giugno 2018 alle 11:04

Merate: festa di primavera all'Ente Morale. Per gli alunni diplomi e tanto divertimento

Anche quest’anno con la “Festa di Primavera” l’“Ente Morale di Merate – Scuola dell’Infanzia Don Angelo Perego” ha superato se stesso... complice una stupenda giornata di sole, quella di sabato scorso è stata una festa indimenticabile. Chiunque si fosse trovato a passare nei pressi dell’asilo avrebbe capito già dal mattino che ci si stava preparando ad un evento davvero speciale.

Gli addobbi dipingevano di fiori e di colori i cancelli, le aiuole, le finestre. Nel giardino dell’asilo si scorgevano decine di genitori indaffarati ad ultimare i preparativi, in sintonia con le insegnanti che coordinavano sapientemente i lavori.  Uno spettacolo starli a guardare. La festa ha avuto inizio con la consegna dei diplomi ai “tigrotti”, i bimbi più grandi che a settembre lasceranno l’asilo per la scuola.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Chiamati sul podio ad uno ad uno dalla coordinatrice Daniela, i bimbi dell’ultimo anno, con i loro bei cappelli da “laureandi” hanno potuto stringere in un abbraccio affettuoso le loro insegnanti, commosse almeno quanto noi genitori. Presto le lacrime di commozione hanno lasciato spazio all’eccitazione del momento più atteso dai piccoli protagonisti della festa: il lancio dei palloncini nel grande prato dell’Oratorio.

Centinaia di bolle colorate si sono levate in volo al termine del countdown ed in un attimo il cielo si è tinto di mille colori. La festa poi è continuata nel giardino dell’asilo, dove erano stati allestiti – e presidiati a turno da molti genitori - tantissimi corners divertenti: la torre di barattoli di latta, l’angolo delle collane di pasta, il tiro alla pallina nei vasetti, la fabbrica delle bolle di sapone, la creatività della pasta di mais. Gettonatissime le numerose postazioni “truccabimbi”, dove mamme e papà si sono cimentati a dipingere i volti dei bambini trasformandoli con colori e pennelli in principesse, fatine, coccinelle o pirati.

Il burattinaio ha fatto capolino qua e là in ogni angolo del giardino con improbabili animaletti parlanti che scatenavano la fantasia dei bambini, divertiti da questi insoliti abitanti che apparivano come per magia. Lo spettacolo del “Mangiafuoco” ha poi infiammato letteralmente la festa, con un’esibizione superlativa che ha lasciato a bocca aperta grandi e piccini. E’ stato meraviglioso.

Una giornata magnifica che ha segnato la tappa finale di un percorso durato un anno intero, nel quale i nostri bambini si sono divertiti, hanno stretto amicizia con i compagni, hanno imparato un’infinità di cose, hanno sviluppato la capacità di relazionarsi con le insegnanti e con i loro piccoli amici.

La giornata si è conclusa con una gustosissima cena che ha saputo accontentare i gusti di tutti i presenti, servita all’ombra del bersò di gelsomino. Potrei continuare il racconto di questa festa per pagine e pagine, soffermandomi a narrare minuziosamente tutte le attività che sono state organizzate... ma non sono queste cose ad aver reso unica la festa a cui ho partecipato. E’ l’asilo in sè, invece, ad essere unico e straordinario. Lo è perché speciali sono tutte le persone che vi lavorano, dalla coordinatrice Daniela a tutte le insegnanti, dalla Presidente ai professionisti che partecipano all’attività didattica quotidiana (l’insegnante di inglese, l’insegnante di motoria, la psicologa..), da Claudio dell’amministrazione fino alle cuoche e alle assistenti di struttura. Ognuno porta il suo prezioso contributo.

E’ un piccolo mondo in cui l’entusiasmo è contagioso come la varicella ed è alla base di ogni azione che viene pensata e realizzata, una realtà in cui il bene dei nostri bambini è l’unico obiettivo da raggiungere. A tutte queste persone vorrei dire grazie, grazie perché si prendono cura con amore dei miei, dei nostri beni più preziosi. E’ proprio questo il luogo ideale in cui avrei voluto far crescere i miei bambini e sono felice che questo asilo così speciale si trovi proprio a Merate, la mia città.
Una mamma
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco