Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 460.544.334
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 26 maggio 2018 alle 12:04

GDF: SEQUESTRATI 253.000 EURO IN BANCONOTE DA 500 A BROKER ITALIANO

In data 09 maggio 2018, alle 23:30, i militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Ponte Chiasso, in collaborazione con i funzionari doganali, nel corso dei quotidiani controlli svolti presso il valico turistico di Como-Brogeda per contrastare il traffico illecito di capitali, hanno scoperto e sanzionato un quarantunenne italiano di professione broker residente nella provincia di Campobasso. L'uomo tentava di entrare in territorio italiano a bordo di un'autovettura Porsche Panamera condotta da un parente, assicurando ai finanzieri di non trasportare valuta.

Le Fiamme Gialle, non lasciandosi sfuggire piccoli segni di nervosismo ed alterazione del transitante, procedevano ad un controllo più approfondito che permetteva di rinvenire 253.000 euro, in banconote da 500, occultati in un marsupio posto sotto il sedile del lato passeggeri. In virtù del quadro normativo che regola la materia, in considerazione delle risposte vaghe ed evasive del verbalizzato, del grosso taglio delle banconote, dell'evidente incongruenza con quanto presente nella dichiarazione dei redditi e visti i suoi precedenti di polizia, il denaro è stato sequestrato ai sensi dell'art.321 c.p.p. per l'ipotesi di riciclaggio, unitamente alla documentazione trasportata al momento del controllo. Il soggetto verbalizzato è stato denunciato, a piede libero, alla Procura della Repubblica di Como. I controlli valutari svolti quotidianamente dalla Guardia di Finanza di Como presso i valichi di confine mirano ad intercettare titoli e valuta che, se introdotti illegalmente nel territorio nazionale, inquinerebbero il mercato e la concorrenza.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco