Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 438.369.006
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 07 maggio 2018 alle 20:09

Robbiate: resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. 41enne patteggia la pena

Quando i proprietari di un noto bar di Robbiate gli hanno intimato di andarsene perchè era arrivato il momento di chiudere, l'odierno imputato non ha sentito storie: lui voleva a tutti i costi continuare a giocare alle slot machines. Restio ad andarsene a tal punto che i baristi sono stati costretti a chiamare i Carabinieri. All'arrivo dei militari F. D., un quarantunenne cittadino romeno incensurato residente in paese, ha dato in escandescenze, rifiutandosi di fornire le sue generalità e ha opposto resistenza alle forze dell'ordine, provocando anche alcune lesioni ad uno degli operanti. Per questo motivo è stato tratto in arresto e questa mattina tradotto in Tribunale per il giudizio direttissimo.
Comparso davanti al giudice Salvatore Catalano per la convalida, il robbiatese - accusato di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e rifiuto d'indicazione della propria identità - ha ammesso il suo addebito, dichiarandosi colpevole. Il Vpo Mattia Mascaro ha chiesto la convalida del fermo senza l'applicazione di misure cautelari.
Il procedimento si è concluso con un patteggiamento di pena a 8 mesi e 10 giorni di reclusione, pena sospesa.
B.F.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco