Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 460.204.047
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 03 giugno 2010 alle 16:42

Cornate:via ai lavori dopo la frana per riaprire l’alzaia



La strada interrotta lungo l'argine dell'Adda

Dopo la messa in sicurezza dell’area a rischio smottamento l’argine sarà nuovamente fruibile. La prima apertura domenica 13 giugno, in occasione della 50km.
Sono iniziati oggi, lunedì 31 maggio, i lavori di pronto intervento per il dissesto idrogeologico sull’alzaia del Naviglio di Paderno. Si stima che essi si protrarranno per un massimo di due mesi; tuttavia l’argine potrà essere aperto già prima della loro ufficiale conclusione. Lo scorso venerdì gli enti coinvolti nel progetto (Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Regione Lombardia, Agenzia del Demanio, Comune di Cornate d’Adda ed Edison S.p.A.), riuniti in conferenza di servizi, hanno espresso il loro parere favorevole e hanno concluso così un iter iniziato un anno fa, che ha visto il Parco Adda Nord e il comune di Cornate agire da “registi”.
Il Parco Adda Nord e il Comune di Cornate d’Adda sono infatti riusciti ad attivare per la sistemazione dell’area il Ministero delle Infrastrutture, trovando la piena collaborazione del sottosegretario Mario Mantovani. Il Ministero ha commissionato direttamente i lavori e si è fatto carico dell’intervento di ripristino, un progetto da 250 mila euro.
Considerato l’alto pregio ambientale dell’area, all’interno dell’Ecomuseo Adda di Leonardo, si è scelto di intervenire con metodi di ingegneria naturalistica, che rendano l’intervento il meno invasivo possibile. Praticamente l’area verrà messa in sicurezza posizionando delle reti di geostuoia lungo il versante pericolante e dei parapetti lungo l’alzaia. Con la messa in sicurezza di questo tratto di strada si metterà fine a un disagio che dura dal febbraio 2009 e che non ha permesso, nella scorsa estate, di godersi appieno le bellezze naturalistiche del nostro territorio.
Per evitare di privare cittadini e visitatori del piacere di passeggiare lungo l’alzaia durante parte della bella stagione gli enti coinvolti hanno espresso il loro impegno per rendere l’argine di nuovo fruibile il prima possibile. Per questo è stata decisa un’apertura eccezionale del tratto ora sottoposto a chiusura per un’ ordinanza del sindaco, ossia quello che va dalla Centrale Bertini al Santuario della Rocchetta. Essa avverrà domenica 13 giugno, in occasione della 25esima edizione della manifestazione podistica “ 50 km lungo l’Adda”. Da questa data si farà il possibile per aprire almeno nei fine settimana la strada al pubblico, ma tale decisione potrà essere presa solo a lavori inoltrati.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco