• Sei il visitatore n° 495.714.080
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 16 marzo 2011 alle 19:54

Beverate: aperto il contratto di solidarietà alla ''Vacuum pump''. 35 lavoratori in azienda per un anno a orario e stipendio ridotti

La Vacuum pump di Beverate
Si è aperto per i 35 dipendenti della Vacuum pump di Beverate di Brivio il contratto di solidarietà della durata di un anno. L'accordo, raggiunto nelle scorse settimane dai sindacati con i vertici dell'azienda, permetterà di sfruttare al meglio i periodi lavorativi e di ridurre al massimo i tempi morti, senza tuttavia gravare in maniera determinante sugli stipendi dei lavoratori. Una scelta, quella del contratto di solidarietà, che i sindacati stanno cercando di mettere in campo sempre più spesso anche come strumento di prevenzione della crisi, in modo da contenere eventuali tracolli dell'economia, specialmente quella delle piccole e medie imprese.
La Vacuum pump di Beverate è un'azienda fondata nel 1968 in Via per Olgiate a Beverate di Brivio ed è specializzata nella costruzione di confezionatrici sottovuoto che si sono poi trasformate in confezionatrici a film termoretraibili monopiega e fardellatrici per prodotti industriali di ogni genere.
Grazie alla volontà dell'azienda i sindacati hanno potuto proporre, invece della cassa integrazione, il contratto di solidarietà che consente una riduzione dell'orario di lavoro e conseguentemente dello stipendio senza però ad arrivare a "tagli" drastici come quelli della cassa. Con il contratto di solidarietà più persone riescono a ruotare alle macchine, la tassazione è inferiore e lo stipendio è penalizzato in misura inferiore e non scende sotto l'80% del normale.
"Ci sono giorni in cui si lavora di più, altri invece dove si è fermi" ha spiegato Luigi Panzeri della Cgil "con il contratto di solidarietà però il lavoratore ha la possibilità di stare in azienda quando c'è lavoro e non è costretto a lunghi periodi a casa. A questo si aggiunga che lo stipendio è all'80% del normale e la tassazione più bassa. È chiaro che è possibile mettere in atto questo accordo quando si trova un interlocutore aziendale che è in grado oltre che disponibile ad ascoltare e ad attuarlo".
Saba Viscardi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco