• Sei il visitatore n° 494.877.362
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 22 dicembre 2017 alle 19:36

Osnago: diritti non versati alla SIAE, arriva la condanna

Aveva commissionato lo stampaggio di dvd, contenenti alcuni film, per un totale di 30.000 euro ad una società di Milano specializzata in quel settore, ma li aveva pagati con un assegno scoperto. L'insoluto ha così portato a scoprire che così che una società di produzione di film e video con sede ad Osnago, non aveva pagato i diritti d'autore per quelle pellicole, non versando alla SIAE un importo pari a circa 4.000 euro.

Come affermato oggi nell'aula del giudice Manzi da un testimone, un ex collaboratore della società di stampaggio, l'azienda dell'imputato aveva inizialmente prodotto alla società milanese un certificato da cui risultava l'approvazione della Siae per la riproduzione, senza la quale non si sarebbe potuto procedere. "Di solito quando stampiamo i cd o i dvd provvediamo direttamente noi al pagamento dei diritti rilasciando il prodotto con il "bollino", ovvero il contrassegno dell Siae" ha spiegato il teste, "oppure, se il cliente ci dimostra di aver fatto lui stesso la richiesta alla Siae per il rilascio dei bollini, noi forniamo il prodotto finito senza aver apposto alcun contrassegno. Così era successo nel 2012 con la società dell'imputato". Il testimone ha spiegato come il pagamento per lo stampaggio dei dvd lo avesse ricevuto tramite assegno, risultato poi scoperto, che aveva fatto emergere il mancato pagamento per i diritti d'autore. Terminata l'escussione del testimone, il Vpo Mattia Mascaro ha chiesto per l'imputato la condanna a 8 mesi di carcere mentre l'avvocato difensore Norberto Argento l'assoluzione per il cliente, sostenendo che dalla testimonianza fornita in aula non era emersa alcuna prova del reato, avendo la persona confessato solo di essere stata vittima di un insoluto. Di diverso avviso il giudice Enrico Manzi, che ha condannato l'uomo a 1 anno e 3 mesi di carcere e al pagamento di una multa di 5.000 euro, per violazione della legge sui diritti d'autore (lg 633 art. 171 septies).
B.F.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco