Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 439.915.079
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 17 ottobre 2017 alle 11:25

Referendum: lo Stato in debito se ne frega di rimborsare i comuni, ma guai se il cittadino non paga. Il 22 voterò Sì

Alberto Spreafico
Il caso dei debiti dello Stato verso il Comune di Missaglia per il Giudice di Pace è il chiaro esempio dell'inefficienza di questo Stato, ovvero di questo Governo (PD &C.) che gestisce il potere abusivamente dal 2011.
Stato che pretende pagamenti puntuali e inderogabili da parte dei cittadini contribuenti ma se ne fotte allegramente di pagare i propri debiti soprattutto verso le pubbliche amministrazioni, le quali poi sono costrette a rivalersi tartassando i propri cittadini.
Il paradosso, o meglio la vergogna, è che gli stessi esponenti politici del PD che reggono questo Governo che NON PAGA I PROPRI DEBITI hanno il coraggio - ma è più opportuno dire la faccia tosta - di farci la morale per le spese del Referendum per l'Autonoma della Lombardia ma tanto, lo abbiamo già detto, a questi veri democratici non interessa l'opinione del popolo .... tanto sanno già tutto loro.
E guarda caso questi sono gli stessi che hanno approvato la spesa di quasi 4 miliardi di euro l'anno per la gestione degli immigrati, compresi quelli che arriveranno a Missaglia grazie alla "lungimiranza" dell'attuale Amministrazione PD che sostiene questa demenziale politica dell'accoglienza a tutti i costi, senza controlli e senza trasparenza.
Pertanto (sarò forse ingenuo), a me sembra del tutto evidente che, di fronte a "statisti illuminati" di tale spessore, la legittima richiesta di un po' di AUTONOMIA sia assolutamente doverosa e necessaria al fine di trattenere il più possibile le nostre risorse evitando di regalarle ad una Stato totalmente incapace di gestire le proprie competenze.
Personalmente, ritengo che i Lombardi si meritino qualcosa di più da parte di questo Stato, negare questo è negare l'evidenza, e cioè la storia, la determinazione, le capacità e la cultura lavorative e imprenditoriali del Popolo Lombardo.
Io sicuramente il 22 ottobre voterò SÌ al Referendum per l'autonomia della Lombardia.
Alberto Spreafico, Lega Nord Missaglia
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco