• Sei il visitatore n° 483.996.274
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 29 luglio 2017 alle 12:13

Pensieri su fusioni e ''federali''

Gentile Direttore,
In un momento di autoflagellazione, ho letto (tutto) il patetico intervento del "federale" leghista lecchese apparso su Merate Online.
L'apprendista stregone, già famoso per deliranti sparate sui migranti e per avere strumentalizzato in modo becero le difficoltà delle mamme "no vax" (sono personalmente favorevole alle vaccinazioni) per motivi elettoralistici, si cimenta ora in una scopiazzata sulle identità, le tradizioni, la bellezza del paesaggio, sulla storia del territorio che loro chiamano padania, disquisendo sulla proposta renziana di accorpare i piccoli comuni ai fini  di abbattere i costi di gestione.
Vorrei sapere se esiste una differenza di identità di popolo fra gli abitanti di: Taceno-Primaluna-Cortenova-Introbio, Bellano-Pasturo, Garlate-Malgrate-Pescate-Olginate oppure Olgiate -Calco, mi fermo  qui.
Credo comunque che la scelta di sopprimere i piccoli comuni sia discutibile, visto il palese deficit di democrazia che comporterebbe: si dimezzerebbero i rappresentanti in seno ai consigli comunali e.. qui ha ragione Nogara, ci sarebbe un maggior potere decisionale da parte delle realtà più cospicue.
I costi di gestione si potrebbero piuttosto ridurre creando dei sistemi consortili più efficienti degli attuali.
Dove ha letto la notizia di cinque miliardi di euro, oltre gli stanziamenti europei, spesi per mantenere il 90% di vacanzieri esclusivi che si fingono profughi?
E' grave che il "così detto" governatore padano debba spendere 23 milioni di euro per pagare (a prezzo ufficialmente pieno), i tablet che serviranno per votare un grottesco e  inutile referendum.
Se vincessero i SI', i delegati regionali potrebbero chiedere al governo di "discutere" la possibilità di poter gestire parte dei fondi regionali. Realtà già prevista dalla Costituzione.
Al peggio non vi è limite, i Sindaci piddini di Milano e Bergamo promuoveranno tale sperpero di risorse, per non lasciare il monopolio di questa idiozia ai "fascioleghisti": se fossero di sinistra proporrebbero di stanziare i fondi per abbassare il costo dei ticket sanitari, troppo alti per molte famiglie.
Purtroppo, il sogno di vincere le prossime tornate elettorali è appetibile sia a centrosinistra che a destra
Grazie per l'attenzione,
Fulvio Magni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco