Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 438.680.048
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 05 maggio 2017 alle 10:44

GDF TORINO: SEQUESTRATI 3 MILIONI DI ARTICOLI PERICOLOSI

Sequestrati oltre 3 milioni di oggetti tra giubbotti , tessuti e giocattoli contraffatti e/o insicuri, privi di marcatura CE con 12 responsabili denunciati. 150 grammi di stupefacenti sequestrati e un responsabil e denunciat o per detenzione e spaccio. Scovati 8 lavoratori in nero e ri levate varie i rregolarità presso 4 impianti di carburante. S equestrat i 4 apparecchi video poker illegali in alta Valsusa. Numerosi controlli al traffico merci e documenti di trasporto e numerosi anche i verbali per violazioni al codice della strada . Denunc iati 2 soggetti di nazionalità cinese e sequestrati 6.000 prodotti farmaceutici/cosmetici, contenenti sostanze potenzialmente nocive per la salute. Un soggetto denunciato a piede libero per abusivismo edilizio. Questi sono alcuni dei risultati della vasta attività di c ontrollo per la sicurezza economica del territorio che è stat a effettuat a in via straordinaria dalla Guardia di Finanza di Torino ne lla giornata di ieri . Circa 150 militari e 8 unità cinofile hanno intensificato i controlli sulla sicurezza eco nomica nel Capoluogo e in tutta la Provincia Torinese, per la prevenzione, ricerca e repressione dei traffici illeciti. Nel corso dell’attività, iniziata ancor prima dell’alba e terminata oltre la mezzanotte, sono sta t i effettuati centinaia di interventi e d identificate oltre mille persone fisiche e giuridiche, operatori commerciali, sedi di aziende e ambulanti , nell’ambito d ei controlli che hanno riguardato : i giochi e le scommesse illegali, la lotta al carovita , la disciplina dei prezzi praticati da parte dei distributori stradali di carburante, la tutela del made in Italy , la sicurezza dei prodotti, la contraffazione dei marchi, l’abusivismo commerciale, il controllo in materia di circolazione dei prodotti , il lavoro irregolare , la circolazione dell’Euro e degli altri mezzi di pagamento , i money transfer nonché la detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I v ariegati compiti istituzionali della Guardia di Finanza, delicati e certamente proiettati alla tutela economica e finanziaria di tutte l e componenti dell a Repubblica e dell’Unione Europea, pongono sempre al centro di ogni attività svolta da lle Fiamme Gialle la salvaguardia dell’integrità del patrimonio e della salute dei cittadini da ogni punto di vista a 360 gradi. Emblematico ad esempio il caso del sequestro dei prodotti potenzialmente pericolosi effettuato a La Loggia (TO) dai Baschi Verdi del Gruppo Torino presso un enorme emporio gestito da cittadini di etnia cinese. L a maggior parte della merce sequestrata era destinata ai bambini : ma teriale scolastico (matite, pennarelli) e soprattutto giochi di ogni tipo (ad esempio sono stat i sequestrat i centinaia finti denti di Dracula) . Gli articoli sono potenzialmente dannos i per la salute perché costruit i con Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE TORINO material i non certificat i e non test ati, che quindi , a contatto con la pelle o peggio con la cavità orale , possono rilasciare sostanze tossiche o nocive. Anche il contrasto al lavoro nero mira principalmente a tutelare i lavoratori che, se non regolamento assunti, sono sottopagati e privi d ella copertura previdenziale ed assicurativa mentre dopo l’intervento della Guardia di Finanza vedono le loro posizioni regolarizzate dai datori di lavoro. L’utilizzo di lavoratori irregolari è anche una forma di concorrenza sleale che danneggia gli oper atori onesti. I n alcuni casi l’impiego di manodopera in nero è addirittura un reato , come per l’ imprenditore ortofrutticolo di Settimo Torinese che ora rischia fino a 3 anni di carcere perché a ll’ interno d el suo negozio i Finanzieri della Tenenza di Chivas so hanno trovato un cittadino albanese , che non solo prestava la sua opera totalmente in nero ma che risulta irregolare nel territorio dello stato. Questo piano straordinario di controllo economico del territorio è stato eseguito nell’ambito del “ Disposit ivo permanente di contrasto ai traffici illeciti ”; modulo operativo , che vede giornalmente impiegati i Finanzieri in tutti i settori d’interesse del Corpo , che può variare di intensità in funzione del contesto esterno o di esigenze investigative.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco