Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 419.969.665
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 30 marzo 2017 alle 09:19

GDF BRESCIA: NR. 3 ARRESTI IN ITALIA E ALL'ESTERO PER BANCAROTTA FRAUDOLENTA PER 6 MILIONI DI EURO

Nel 2015 f allisce una società bresciana , operante nel settore della commercializzazione di materiale plastico , ma le indagini del Nucleo di Polizia Tributaria – G.T.E. scoprono la bancarotta per ingenti acquisti di merce senza pagamenti e rivendite contestuali “ in nero ” a soggetti compiacenti. Questo è il meccanismo fraudolento che ha portato , lo scorso 28 marzo, i finanzieri ad arrestare i 3 responsabili ( 1 cittadino svedese in carcere e 2 bresciani ai domiciliari) , amministratori di diritto e di fatto della società , per aver “fatto sparire” i beni esclude ndoli dalla procedura fallimentar e. Dall’aprile al luglio 2014, l’azienda ha acquistato a credito da numerosi fornitori in Italia e all’estero materiale plastico, per circa 3. 0 00.000 di euro . Mentre si attendevano i pagamenti , il materiale acquistato spariva e veniva immediatamente rivenduto in nero utilizzando anche fals e fatture e falsi documenti di traspo r to. Le fiamme gialle bresciane , a seguito delle investigazioni, degli accertamenti bancari, delle escussioni testimoniali , dell ’ esecuzione di decreti di perquisizione e sequestro , riscontravano vendite documentate alle quali corrispondevano però ulteriori mancati pagamenti per altri 3.000.000 di euro. I crediti societari mai soddisfatti andavano ad aumentare i l passivo fallimentare della società per un danno complessivo di circa 6.000.000 di euro . A tutela del mercato e degli imprenditori onesti, sono stati assicurati alla Giustizia i responsabili del meccanismo fraudolento.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco