Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 419.969.501
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 15 marzo 2017 alle 15:41

GDF TRAPANI: 4 CONTROLLORI ATM DENUNCIATI PER ASSENTEISMO

Nei giorni scorsi il Gruppo Guardia di Finanza di Trapani ha concluso un'indagine per truffa aggravata e peculato, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, nei confronti di 4 dipendenti della "Azienda Trasporti e Mobilità (in sigla "ATM") Spa", società per azioni costituita dal Comune di Trapani, azionista unico, la quale gestisce i servizi di trasporto urbano nel territorio dei comuni di Trapani ed Erice.
Grazie a numerosi pedinamenti, appostamenti e videoriprese, sono state infatti accertate reiterate condotte illecite poste in essere dai dipendenti della ATM con funzioni di controllori, i quali, durante l'orario di servizio, utilizzando talvolta l'auto aziendale, hanno interrotto l'adempimento delle proprie mansioni dedicandosi a faccende ed interessi privati.
In particolare è stato appurato che i predetti dipendenti, alcune volte, facevano ritorno alle proprie abitazioni private permanendovi a lungo, mentre altre volte si recavano in pubblici esercizi indugiando a giocare alle slot machine. In altri casi ancora sono stati monitorati mentre si recavano a far la spesa presso supermercati o altri negozi.
Nel compiere tali illecite condotte gli infedeli controllori hanno approfittato della specifica tipologia del servizio cui erano addetti, il cui svolgimento avveniva quasi esclusivamente al di fuori della sede aziendale, ossia nei pressi delle varie fermate ed a bordo degli autobus urbani.
Gli abusivi comportamenti in rassegna sono stati altresì segnalati alla Procura Regionale della Corte dei Conti di Palermo, che determinerà il complessivo danno erariale procurato dagli infedeli dipendenti.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco