Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 437.884.742
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 01 marzo 2017 alle 18:14

Sirtori, Confindustria: viabilità e infrastrutture, invece di trovare soluzioni si aggiungono limitazioni

Giulio Sirtori
Quello delle infrastrutture inadeguate e dei limiti alla viabilità continua ad essere un elemento critico per le imprese e per tutto il territorio e, sul tema, interviene nuovamente il Direttore Generale di Confindustria Lecco e Sondrio, Giulio Sirtori, all’indomani delle limitazioni poste per il ponte di Brivio.
“Che la sicurezza venga prima di tutto non ci sono dubbi - evidenzia Giulio Sirtori - e proprio a questo proposito, viste le limitazioni, senza significativi approfondimenti tecnici, che si moltiplicano per il transito di carichi pesanti lungo strutture che fino a poco tempo fa potevano essere utilizzate da mezzi con quelle stesse caratteristiche ci chiediamo: abbiamo rischiato la vita sino ad ora?”. “Se oggi risulta lampante, a causa di eventi purtroppo tragici, che uno dei grandi condizionamenti del territorio non è solo la carenza infrastrutturale ma che siamo di fronte anche ad una manutenzione insufficiente - continua il Direttore Generale dell’Associazione - la soluzione non può certo essere solo quella di aggiungere limitazioni a limitazioni, che vanno a sommarsi ai gravi ritardi nelle concessioni delle autorizzazioni per i trasporti eccezionali, con ricadute evidenti sull’operatività delle imprese”. “Ci troviamo in un vero e proprio stato di emergenza che richiede decisioni veloci e soprattutto azioni, che ancora non vediamo, al di là della volontà delle singole Istituzioni - conclude Giulio Sirtori. "Una ricognizione puntuale rispetto allo stato complessivo delle infrastrutture non è più rimandabile ed è il primo passo per poter avviare, in primo luogo, gli interventi determinanti per ripristinare una normale viabilità e, in una logica di medio e lungo periodo, una strategia in materia più completa e necessaria per guardare allo sviluppo del territorio”.
.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco