Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 439.024.715
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 05 gennaio 2017 alle 08:38

Mostra di Presepi e Diorami a Civate

La mostra di presepi e diorami allestita nella chiesa dedicata alla Madonna di Fatima a Civate, anche quest'anno ha riaperto i battenti con una esposizione rinnovata, sia nel contenuto che nell'allestimento.

Già lo scorso anno a seguito della migrazione dei diorami della famiglia Grisotti di Milano, che da anni aveva allestito la mostra con i diorami provenienti dalla chiesa milanese Santa Maria delle Grazie, era stato proposto dagli Amici del Presepio di Civate, la splendida esposizione dei diorami "La Storia della Salvezza", diorami realizzati dalla Sezione di Ponte San Pietro aderente alla Associazione Italiana Amici del Presepio.

Sull'onda del rinnovamento, anche quest'anno la compagine presepistica civatese ha provveduto a rinnovare l'assetto espositivo, imperniato sia sul contenuto storico e biblico, ma abbinandolo ad aspetti prettamente legati alla religiosità popolare.

I vecchi presepi di grandi dimensioni con magnifiche statue di Angela Tripi, sono stati ripuliti, restaurati ed altri completamente rifatti, aggiungendone uno nuovo ambientato a Petra con statue di Francesca Valenti, artista toscana che ha reinterpretato in modo eccellente, la scena "Paternità e Sogno di Giuseppe".

La parte inerente i diorami verte anche questa sui due filoni conduttivi citati precedentemente: accanto ad episodi insoliti del Vangelo quali la predicazione di Gesù nella sinagoga di Nazaret, l'incontro con Nicodemo, la Pentecoste, le nozze di Maria e Giuseppe, opere realizzate da Giuseppe e Rachele Motta di Groppello d'Adda, troviamo scene di vita contadina patriarcale dei primi del ‘900: la messa di mezzanotte, la vigilia di Natale ambientata in una stalla, la costruzione del presepio nella casa di una famiglia contadina, tutte opere realizzate da Salati Giancarlo di Seregno, che ha nelle corde del suo senso artistico, una forte capacità comunicativa nel riproporre la vita e la fede vissuta dai nostri nonni.

La mostra è arricchita da un grande plastico raffigurante la Basilica di san Pietro al Monte con l'annesso Oratorio di San Benedetto, dove la Natività è collocata all'ingresso della chiesa circondata da pastori con i loro greggi. A completare l'allestimento due presepi in stile napoletano dei famosi artisti Umberto Palazzo e Rossella Lolli, e altri presepi di grandi dimensioni dei rinomati presepisti Pozzoli Dario di Lurago d'Erba, Pizzi Silvio di Cernusco sul Naviglio e Milani Gianpaolo di Cabiate.

Durante la vista alla mostra è pure possibile visionare il presepio realizzato durante i corsi pratici tenuti a Tavernerio da Maurizio Enrico Villa, curatore della esposizione, chiedendo informazioni sulle nuove tecniche da lui adottate ed anche provvedere alla pre-iscrizione degli imminenti corsi programmati per marzo e aprile.

La mostra allestita nella chiesa Madonna di Fatima Via Cerscera a Civate, è visitabile tutti i giorni sino all'8 gennaio dalle 14,30 alle 18 e successivamente nei giorni sabato 14, domenica 15 e domenica 22 dalle 14.30 alle 18.

INGRESSO LIBERO

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco