Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 318.421.278
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/11/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Domenica 01 gennaio 2017 alle 08:02

Merate: una testimonianza di accoglienza in famiglia di due profughi ospiti al Bione

Ospitare i richiedenti asilo e condividere con loro una giornata delle festività natalizie: l'iniziativa "Natale in famiglia", lanciata dalle volontarie che insegnano agli stranieri l'italiano durante la settimana, è andata oltre i confini di Lecco, interessando anche alcune famiglie del Meratese. Proprio a Merate, infatti, risiede Chiara che, insieme al papà Giuseppe e alla mamma Giovanna, ha accolto Nixon e Stephen, due ragazzi nigeriani ospiti al centro del Bione.


"Siamo andati a prenderli alle 11 per poi pranzare a casa. Nel pomeriggio, invece, ci siamo spostati e abbiamo incontrato altri famigliari e conoscenti, prima di riportarli al campo con qualche regalo di Natale anche per loro. I due ragazzi ci hanno dato anche qualche dettaglio del viaggio che, dalla Nigeria alle isole italiane, ha permesso loro di lasciare le tristezze e i dolori della loro terra nella speranza di ricostruirsi una vita qua in Italia" ha raccontato Chiara, aggiungendo che "ascoltare le loro storie e parlare direttamente con loro è qualcosa di semplice che ti fa capire tanto. Soprattutto, si riesce a riconoscere in loro la nostra comune umanità".
Inevitabile, quindi, anche il parallelismo tra la recente permanenza di Chiara in Cina e il viaggio dei due ragazzi. "Pur essendo già in contatto con i volontari del Bione anche prima di partire per l'Estremo Oriente, devo dire che, dopo questa esperienza cinese, ancora di più mi sento cittadina del mondo, rafforzando la mia curiosità nei confronti delle altre culture. Viaggiando, i muri e i pregiudizi vengono meno e prima di esprimere giudizi netti ti domandi sempre: "cosa conosco di questa cultura? Cosa vuol dire per l'Altro compiere o no certe azioni?".


Partendo da convinzioni come queste, è stato semplice per Chiara e per la sua famiglia aprire le porte della propria casa in queste festività e condividere con loro un momento conviviale: "Invitarli è stato il modo più semplice per permettere ai due ragazzi nigeriani di passare un momento di gioia" ha concluso Chiara che si dice pronta "al di là degli impegni quotidiani, che spesso limitano l'impegno di ciascuno, a mantenere in un modo o nell'altro i rapporti con i ragazzi del campo".
Alessandro Pirovano
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco