Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 392.938.916
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/05/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Venerdì 30 settembre 2016 alle 20:34

Olgiate: tappa in paese per il ''sit-in'' contro l'aborto, l'eutanasia e la legge sulle unioni civili

Dopo la manifestazione organizzata a Valgreghentino lo scorso sabato, l’associazione “Ora et Labora - in difesa della vita” di Cassago Brianza, in collaborazione con “Evangelizzazione e Testimonianza”, ha promosso un nuovo “sit-in” di preghiera nella mattinata di oggi, recandosi nuovamente in paese ed effettuando una seconda “tappa” di fronte al municipio di Olgiate Molgora.

Antonella Vian, Vittorio Cristinelli, Giorgio Celsi

“Armati” di cartelli ed esprimendosi con il dialogo e la preghiera, tre volontari hanno manifestato la loro ferma contrarietà all’aborto, all’eutanasia e alla legge che ha reso possibili le unioni civili, anche nel nostro territorio. La scelta è caduta sul paesino lecchese proprio perchè il sindaco Sergio Brambilla ha annunciato pubblicamente l’unione con il suo compagno, che avverrà a Olgiate Molgora (paese di residenza della coppia) e sarà officiata dal primo cittadino Giovanni Battista Bernocco.
La data inizialmente prevista per il rito (che è stato rinviato) era quella del 1° di ottobre, e alla vigilia della ricorrenza i membri dell’associazione hanno scelto di “appostarsi” di fronte al luogo scelto dalla coppia.

“La nostra attività di sensibilizzazione continua, abbiamo incontrato diverse persone e spiegato loro i nostri valori in difesa della vita, a favore del concetto di famiglia cristiana, costituita da un uomo e una donna” ha spiegato Vittorio Cristinelli, referente di Ora et Labora presente con la dottoressa Antonella Vian (medico della clinica Talamoni di Lecco all’epoca in cui ospitò Eluana Englaro e attivista contro l’eutanasia e il testamento biologico) e il presidente dell’associazione Giorgio Celsi. “La Prefettura è stata informata della nostra presenza, al pari della scorsa settimana, si è trattato di una manifestazione pacifica”.
A Olgiate Molgora nessuno in comune, a quanto è stato possibile apprendere, sapeva del loro arrivo, che ha destato una certa curiosità tra i passanti. “Mi trovavo in riunione, quando sono stato informato si erano già allontanati. Peccato, mi sarei confrontato volentieri con loro sul tema delle unioni civili, una cosa ben diversa dal matrimonio” ha commentato il primo cittadino olgiatese.

Articoli correlati:
Valgreghentino: sit-in contro aborto, eutanasia, unioni civili
R.R.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco