Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 420.333.566
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 01 febbraio 2011 alle 18:33

Cernusco: nei locali di Via Lecco al via il progetto di residenzialità leggera per malati mentali

Via Lecco a Cernusco
Un programma di residenzialità leggera per consentire il re-inserimento in società di soggetti a carico del dipartimento di salute mentale dell'azienda ospedaliera di Lecco. A firmare l'accordo il comune di Cernusco Lombardone e il consorzio Consolida in quello che vuole essere un percorso importante sia per l'utente che per la stessa comunità. La bozza dell'accordo di programma, infatti, era già stata approvata nel settembre 2010. Le parti si erano poi più volte incontrate per stabilire modalità, tempi e percorsi da seguire. Ora il progetto è pronto a partire e la convenzione firmata prevede che i locali di Via Lecco 31, concessi in comodato d'uso gratuito a favore del consorzio consolida, vi rimangano fino al 2020 con possibilità di proroga.
In pratica si tratta di un percorso nel quale il malato psichiatrico, ritenuto "clinicamente stabilizzato" necessita di concludere il suo iter riabilitativo sotto la supervisione degli accompagnatori, stando però in una struttura, svincolata dall'accreditamento, che pur non essendo una vera e propria residenza continuativa e fissa, gli consenta il re-inserimento graduale in società.
Questo tipo di forma di assistenza, pur garantendo e spronando l'utente ad una maggiore autonomia, resta tuttavia sotto l'attenta cura e osservazione delle strutture cliniche ed educative che hanno in carico il paziente e che, ora, tramite la residenzialità leggera cercano di prenderne un graduale distacco per consentirgli il ritorno ad una sorta di normalità.
"Si tratta" si legge nella convenzione "di programmi sanitari la cui attuazione è garantita da soggetti accreditati per attività di psichiatria che favoriscono la risposta a esigenze abitative di utenti clinicamente stabilizzati".
Come dicevamo il programma partirà in questi giorni con la presa in carico da parte di Consolida dei locali e l'assegnazione agli utenti designati.
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco