• Sei il visitatore n° 532.271.039
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 08 luglio 2016 alle 13:43

Merate: 4 rumeni accusati di avere raggirato e derubato una anziana per 140mila €. I soldi servivano per la salute dei figli

Il 12 dicembre alle ore 10.30 il giudice Enrico Manzi ha convocato l'ultima udienza per la vicenda meratese dell'anziana di Merate truffata e derubata da 4 nomadi che, carpendo la sua fiducia e facendo leva sul fattore emotivo, l'avrebbero convinta a dare loro continue somme di denaro, fino a un ammontare riscontrato dai parenti attorno ai 140mila euro.

La chiesa di Merate, che la presunta vittima era solita frequentare e all'esterno della quale ha avuto i primi contatti con i rumeni

In aula davanti al magistrato giudicante, per la vicenda che vede imputate due coppie appunto di rumeni (Adam Ramona Angelica, Ciurariu Micaela, Cirpani Ioan, Cirpani Florin) accusate di truffa, estorsione e circonvenzione di incapace, ha testimoniato uno dei carabinieri che, all'epoca dei fatti tra il 2008 e il 2010, si occuparono delle indagini.
Per due anni, su autorizzazione del pubblico ministero, i militari hanno acquisito i tabulati telefonici delle utenze in uso agli indagati riscontrando come le chiamate a casa della donna, ora deceduta, giungevano dall'Italia e non dall'estero.
Stando al racconto reso dal carabiniere, a seguito di quanto riferito dall'anziana, residente in Via Antonio Baslini, i quattro le si erano "attaccati" al punto da chiederle continuamente soldi perché, a loro dire, "lei rappresentava l'unica fonte di sostentamento per le loro famiglie e i figli".
In virtù della sua grande Fede cattolica, Marisa Cereda aveva acconsentito ad aiutarli fidandosi di quanto sentiva nei loro strazianti racconti, con la necessità di interventi salvavita alla testa dei bambini. "Le era stato prospettato" ha riferito il militare "che senza il suo aiuto gli adulti non potevano riparare l'auto per andare a lavorare, i piccoli sarebbero finiti in mezzo alla strada e non avrebbero potuto essere sottoposti agli interventi chirurgici alla testa senza i quali non avrebbero avuto scampo". Interventi di cui, a seguito delle verifiche dei carabinieri, non è stata trovata traccia né presso ospedali né vi era informativa negli istituti scolastici frequentati dai bambini.
La vicenda giudiziaria, che ha fatto molto scalpore in città vista anche la notorietà dell'anziana e della sua famiglia, vedrà l'epilogo nel mese di dicembre anche se gli imputati risultato tutt'ora irreperibili.
Articoli correlati:
26.02.2016 - Merate: si fecero consegnare 140mila euro da un'anziana nel 2010. Estorsione e truffa le accuse per due coppie di romeni
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco