Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 347.718.234
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Venerdì 03 giugno 2016 alle 22:03

Olgiate: ex allevamento, un incarico esterno per l’amianto

E’ stata approvata con l’astensione dei tre consiglieri di minoranza (compreso Roberto Pezzuto, inizialmente contrario ma che ha poi riconosciuto l’impegno dell’assessore Roberto Romagnano nel seguire la lunga vicenda) la variazione al bilancio di previsione 2016-2018 del comune di Olgiate Molgora, con la quale sono stati destinati 35.000 € più Iva per avviare la procedura di incarico ad un professionista nel redigere un progetto per eliminare l’amianto dall’ex allevamento di Pianezzo.
Il principio è quello dell’“intervento sostitutivo” in base al quale, poiché la proprietà non ha ottemperato all’ordinanza comunale di rimozione del materiale, sarà il comune a farsi carico della spesa (ancora da stabilire) per poi rivalersi su di essa.

Roberto Pezzuto e Roberto Romagnano

È stato l’assessore Romagnano, in occasione del consiglio di mercoledì 1° giugno, a riassumere la lunga vicenda legata a quella che costituisce una delle estensioni di amianto maggiori dell’intero territorio lecchese. “Nel marzo 2015 è stato promosso un sopralluogo, a seguito del quale alla proprietà è stato intimato di eliminare parte del materiale entro 3 mesi (una prescrizione questa osservata) e un quantitativo maggiore entro 1 anno (scaduto alla fine di marzo 2016). La proprietà non ha ottemperato, ma ha anzi fatto ricorso straordinario al Presidente della Repubblica” ha spiegato l’assessore. Il consigliere Roberto Pezzuto, sottolineando come la variazione non dia il via ai lavori ma stanzi fondi per affidare un incarico esterno, è stato inizialmente molto critico su tale decisione.
“Abbiamo due laureati all’interno dell’ufficio tecnico, perché rivolgerci altrove? Era necessario muoversi prima, questa rimozione rischia di essere una storia infinita” ha commentato. “Una storia infinita per la quale abbiamo fatto un primo passo importante, e sono orgoglioso di poterlo affermare” è stata la risposta di Romagnano, che ha evidenziato come la nuova amministrazione olgiatese sarà chiamata a confrontarsi con il proseguo del percorso.
Roberto Pezzuto, auspicando che in futuro più comuni promuovano, con il Parco del Curone, un accordo per la rimozione dell’eternit, ha espresso rammarico per il mancato rinnovo dell’impegno di Roberto Romagnano in politica. “Sei il primo assessore che ha gestito questa questione con incisività, per questo non voterò contro ma mi asterrò” ha concluso Pezzuto. La variazione di bilancio è stata approvata con l'astensione dei tre consiglieri di minoranza presenti.
Articoli correlati:
11.04.2016 - Nuovo sopralluogo all’ex allevamento di Pianezzo, confronto con l’Associazione
28.12.2015 - Olgiate: il comune costituito per il ricorso ex allevamento
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco