Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 347.764.038
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Sabato 21 maggio 2016 alle 12:17

''Identità e futuro NOSTRO Cernusco'': presentati i 9 argomenti del programma e i 13 candidati, forte la contrarietà alle fusioni

Si è presentata ufficialmente la lista civica "Identità e futuro NOSTRO Cernusco" di fronte ai numerosi cittadini che hanno affollato la sala civica. I cernuschesi hanno avuto modo di conoscere i tredici candidati che hanno già iniziato a informare la popolazione sul loro programma, attraverso i gazebo posizionati in paese.

Foto di gruppo per la lista. Al centro il candidato sindaco Gennaro Toto

Il candidato sindaco è Gennaro Toto, 43 anni e lavoratore autonomo, che ha così esordito: "quando sono arrivato a Cernusco ho notato subito la differenza con l'hinterland milanese dove c'è distacco tra l'amministrazione e la cittadinanza. Qui ci sono occasioni quasi quotidiane di incontro nei luoghi di aggregazione, e questo è un valore aggiunto. Anche per questa motivazione Cernusco deve restare autonomo, con una propria identità e padrone del proprio futuro", chiarendo fin dall'inizio la propria posizione sul tema della fusione.
La parola è così passata agli altri candidati della lista a partire da Gerardo Biella, cinquantunenne docente universitario di fisiologia con una esperienza di consigliere di maggioranza e di minoranza, oltre che di presidente della consulta per la cultura. Il desiderio di un cambio di passo per Cernusco è la spinta alla candidatura di Fabio Bonanomi, classe 1969, coordinatore tecnico in un'azienda di telecomunicazioni. Ermanno dell'Orto, classe 1965, è attivo in paese  come vice capogruppo della sezione Alpini, presidente del GSO, ex assessore alla cultura, sport e tempo libero nonché presidente della relativa consulta.

Alla squadra "Identità e futuro NOSTRO Cernusco" appartengono Dario Ghezzi, 73enne e precedentemente sostenitore della lista "Civicamente", e Felice Longoni, 54enne coordinatore qualità dei fornitori per una multinazionale e attivo nel gruppo Alpini e nella Protezione Civile, che ha da subito partecipato alla stesura del programma elettorale e alla composizione della lista civica in cui riconosce una nuova linfa.
Giovanni Mandelli, classe 1969, è ingegnere e ha vissuto l'esperienza di consigliere di minoranza e di membro della consulta per l'istruzione. Angela Nava, classe 1955, si dedica al volontariato attivo come Fabio Nicoli, trentottenne impiegato in una multinazionale.

La lista civica è composta inoltre da Valentina Pavanati, ventitreenne laureata in biotecnologie e studentessa, che si dedica al servizio della Croce Bianca, e Roberto Razza, responsabile commerciale molto legato a Cernusco. Gladiola Selimi è trentacinquenne impiegata nella grande distribuzione e attiva in un'associazione di volontariato e Renata Valagussa, classe 1956, è docente di matematica e scienze per la scuola secondaria, attuale capogruppo di minoranza ed ex assessore alla cultura.
Tutti i candidati che per motivi lavorativi trascorrono periodi all'esterno hanno rimarcato l'importanza di avere un paese di riferimento in cui affondare le radici.
Giovanni Mandelli ha poi spiegato il percorso che ha portato alla stesura del programma e alla composizione della lista: "siamo partiti da un foglio bianco con dei capisaldi. Il 27 ottobre abbiamo fatto un primo incontro per parlare del no alla fusione, delle tasse e della sicurezza poi il 2 febbraio, accogliendo le proposte dei cittadini, abbiamo riflettuto su sviluppo urbanistico e ambiente e, prima dell'incontro per i temi di partecipazione, istruzione, cultura, sport, tempo libero e politiche sociali, e abbiamo scelto il nome "Identità e futuro NOSTRO Cernusco". Dopo aver definito il programma, abbiamo composto la lista civica e individuato in Gennaro Toto il candidato sindaco. Questa è la nostra storia vera: ora chiediamo a voi di farla diventare bellissima".

Il candidato sindaco ha così esposto nove temi cardine del programma elettorale a cominciare dal "no" alla fusione: "vogliamo distinguerci da chi non ha preso posizione. Bocceremo da subito il progetto ma resteremo comunque favorevoli alle collaborazioni con altri comuni" ha commentato, e su questo tema Renata Valagussa ha aggiunto: "mi batto perché il nome del paese non venga cancellato dalle carte geografiche".
"Oggi Cernusco ha la medaglia di bronzo per la tassazione - ha continuato Gennaro Toto - e ci poniamo l'obiettivo di dimezzare l'Irpef senza però ridurre i servizi: puntiamo a ridurre gli sprechi ed ottimizzare i costi. Per la sicurezza coinvolgeremo le consulte di rione e controlleremo il territorio. Queste consulte, guidate dai consiglieri, saranno uno stimolo per una maggiore partecipazione". "Identità e futuro NOSTRO Cernusco" punterà poi a recuperare e conservare il centro storico, a rivedere lo stile delle barriere fonoassorbenti presso la stazione, e il candidato sindaco ha espresso le criticità e le ripercussioni sulla viabilità per il centro commerciale che potrà essere realizzato a Osnago in zona delle Marasche. Dal punto di vista ambientale la lista è contraria al teleriscaldamento, alle trivelle, all'inceneritore e all'aumento dei costi dei beni comuni come l'acqua. Si pensa di incrementare il piano per il diritto allo studio con premi per i meritevoli e si lavorerà sull'identità di Cernusco proponendo iniziative culturali mirate, guardando alle associazioni e al potenziamento della visibilità. "Supporteremo le famiglie, gli anziani e quanti hanno perso il posto di lavoro: progettiamo uno sportello "Cernusco Care" per favorire l'incontro di domanda ed offerta di lavoro e pensiamo ad una casa - albergo per gli anziani. Quanto allo sport e al tempo libero intendiamo sostenere le associazioni dal punto di vista operativo ed economico e vogliamo realizzare una nuova palestra".

I candidati hanno sottolineato la novità della lista civica e hanno lasciato spazio agli interventi del pubblico. Il dibattito si è acceso polemicamente con Giovanni Zardoni, il capogruppo di "Civicamente" (che non si ripresenterà alle elezioni) che ha preso la parola anche per commentare il tema della fusione e il progetto per il centro commerciale di Osnago.
"Vogliamo consegnare ai nostri figli un paese bello, vivibile e migliore. Con infrastrutture, servizi per anziani e giovani. E che rimanga Cernusco" ha concluso Gennaro Toto.

Questi i candidati:

Per visualizzarele linee guida clicca qui, qui e qui

F.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco