• Sei il visitatore n° 484.398.081
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 18 aprile 2016 alle 21:41

Valletta: don Giorgio querelato da Matteo Salvini, indagini per 'diffamazione' chiuse

Don Giorgio e Matteo Salvini
Matteo Salvini – nella sua qualità di Segretario Nazionale e legale rappresentante della “Lega Nord” – ha querelato nei mesi scorsi don Giorgio De Capitani - l’ex parroco di Monte ora residente senza alcun incarico pastorale a La Valletta Brianza. A renderlo noto è lo stesso sacerdote, classe 1938, sulle pagine del proprio blog, pubblicando l’atto di conclusione delle indagini recentemente notificatogli dai Carabinieri della Caserma di Brivio per conto del sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lecco dr. Paolo Del Grosso, titolare del fascicolo aperto a seguito dell’esposto presentato dal leader politico in relazione a quattro diverse “uscite” del curato, ritenute dal querelante, a quanto pare, un po’ troppo sopra le righe e dunque lesive dell’immagine del Movimento o della propria dignità. “Diffamazione” – ai sensi dell’articolo 595 co.3 c.p. – l’ipotesi di reato formulata a carico di don Giorgio, già a processo – con prossima udienza calendarizzata per il 14 giugno – con la medesima accusa nell’ambito di una differente vicenda che lo vede “contrapposto” alla giornalista della Rai Grazia Graziadei. Quattro “le azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso” indicate dal Pm nell’atto di chiusura delle indagini relative a altrettanti distinti commenti due dei quali pubblicati sul sito www.dongiorgio.it e due sul proprio profilo Facebook  in riferimento a diversi articoli giornalisti apparsi sulla stampa nazionale (Famiglia Cristina, il Fatto Quotidiano e l’Unità per la precisione) nei giorni 4 marzo, 26 marzo, 23 settembre e 8 ottobre 2015.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco