Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 393.504.528
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 09/05/2021
Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 15 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Lunedì 15 febbraio 2016 alle 10:31

Robbiate: in assemblea gli alpini ricordano le attività 2015. ''Un riferimento per il paese''

Nel corso dell'assemblea annuale del Gruppo alpini di Robbiate che si è svolta domenica mattina presso la casa delle associazioni sono stati rinnovati i consigli direttivi del gruppo e dell'associazione Penne Nere. Alla carica di presidente e capogruppo è stato confermato Marco Magni, e lo stesso è avvenuto per il ruolo di vicepresidente e vicecapogruppo ricoperto da Luigi Passoni e per gli incarichi di segretario e tesoriere affidati nuovamente a Celestino Maggi e Giancarlo Falciai.

Da sinistra il segretario Celestino Maggi, il consigliere della sezione di Lecco Raffaele Tavola,
il capogruppo Marco Magni e il sindaco Daniele Villa

I consiglio dell'associazione Penne Nere sarà composto da Gianfranco Riva, Giovanni Tunisini, Fabio Redaelli, Giampiero Valtolina, Aldo Zavone e Fabrizio Zavone; mentre il consiglio del Gruppo alpini vedrà la presenza di Silvano Riva, Giuseppe Giromini, Raffaele Caffiari, Claudio Martinelli, Lorenzo Rocca, Paolo Bonfanti e Claudio Corneo.

Sono state tante le attività che gli alpini robbiatesi hanno svolto nel corso del 2015. A ricordarle, durante l'assemblea annuale, è stato il presidente Marco Magni con la lettura della relazione morale. Tra i momenti più sentiti sono stati citati la Santa Messa in ricordo dei caduti di Nikolajewka, l'adunata nazionale di due giorni a L'Aquila, il raduno del secondo raggruppamento A.N.A. a Busto Arsizio.

Con il loro gagliardetto gli alpini di Robbiate sono stati presenti anche a diversi anniversari e ricorrenze degli altri gruppi della sezione provinciale di Lecco, mentre in aprile è stata celebrata la Santa Messa in ricordo dei soci robbiatesi "andati avanti".

"Anche il 2015 è stato un anno intenso e impegnativo per le tante attività in collaborazione con le associazioni del paese e con l'Amministrazione comunale, che è sempre stata al nostro fianco riconoscendo l'importante presenza del Gruppo alpini in paese", ha spiegato il capogruppo Marco Magni.

Il mese di aprile ha visto diversi alpini impegnati a prestare servizio d'ordine durante la camminata organizzata dalla Pro Loco; il Gruppo è stato poi direttamente impegnato nell'anniversario della Liberazione insieme al Corpo Musicale Robbiatese.


Anche il 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica, in collaborazione con l'Amministrazione, gli alpini hanno permesso la buona riuscita del concerto in Villa della Concordia e della biciclettata tricolore. Nel mese di novembre, invece, il Gruppo alpini e il Comune di Robbiate hanno organizzato la ricorrenza dell'Unità Nazionale, coinvolgendo i bambini della scuola primaria che hanno retto un grande tricolore nel corso della sfilata. Sempre a novembre si è tenuto in sala consiliare un concerto in ricordo della Grande guerra interpretato da alcuni ragazzi del conservatorio "Giuseppe Verdi" di Milano.

Alcuni soci del gruppo hanno partecipato, distribuendo caldarroste, alla festa dei nonni all'asilo "Girotondo" e alla scuola dell'infanzia "Elena". Sono stati poi garantiti servizio d'ordine o di assistenza alla camminata dei Millepiedibus, a quella organizzata dall'Aido di Paderno, alla Monza-Resegone e durante la "Domenica delle Stelle" proposta dalla Pro Loco per un totale di 245 ore di impegno da parte di 53 soci.

55 soci hanno invece realizzato, a partire da marzo, 7 interventi di pulizia dei sentieri sul Monte Robbio: ogni terzo sabato del mese, per un totale di 241 ore di lavoro, sono stati impegnati a rimuovere i rovi, a tagliare l'erba e a raccogliere i rifiuti per rendere accessibili il sentiero che da Via Cavetto porta in località Duraga, quello che da Via dei Mulini porta all'Adda e quello che da Via XXV aprile sale sul monte in località "due pini". Ogni quarto martedì del mese, sempre a partire da marzo, 46 soci del Gruppo alpini si sono dati da fare per 258 ore per pulire il parco di Villa della Concordia. Entrambe queste attività sono legate ad una convenzione che presto sarà rinnovata con il Comune.

Inoltre, i volontari della protezione civile sezione A. N. A. di Lecco hanno un'importante presenza a Robbiate che li porta a svolgere servizio d'ordine nelle scuole, a rendersi disponibili per il taglio delle piante nell'alzaia dell'Adda e per il servizio di pulizia neve e messa in sicurezza dei punti nevralgici del paese.

In proposito il sindaco Daniele Villa ha ricordato come questo servizio di gestione delle piccole emergenze sia gestito con grande disponibilità, precisione e puntualità dai volontari della protezione civile facenti parte dell'A.N.A. "Tutti i cittadini possono vedere negli alpini un punto di riferimento importante per Robbiate - ha sottolineato il primo cittadino nel suo intervento - e non posso che ringraziarvi a nome dell'Amministrazione per l'impegno che riuscite ad offrire al prossimo e per l'attenzione con cui curate le celebrazioni delle ricorrenze, a vantaggio soprattutto dei più giovani".


Nel 2015, infine, il Gruppo alpini di Robbiate e l'associazione Penne Nere hanno contribuito a realizzare la manifestazione "Tutta un'altra musica" all'interno della festa patronale. "L'evento ci ha dato modo di collaborare con le altre associazioni del paese e di sostenere un'iniziativa che ha permesso di devolvere 3.500 euro all'associazione Auto Mutuo Aiuto di Robbiate per l'introduzione al calcio dei ragazzi disabili", ha ricordato ancora Marco Magni. "Per noi alpini non è importante l'incarico ricoperto nel Gruppo perché quando indossiamo il cappello con la penna ognuno porta con sé ed esprime quei sentimenti rivolti al bene comune, all'attenzione per chi ci sta vicino e alla diffusione dei valori che ci hanno lasciato i nostri "veci", ha concluso il capogruppo nella sua relazione.

Alla fine dell'assemblea, dopo la lettura della relazione finanziaria, sono state elencate le iniziative già previste per il 2016 e che riprenderanno quelle dell'anno passato. Anche il calendario di quest'anno si preannuncia dunque ricco di impegni per gli alpini robbiatesi, e non poteva esserci quindi modo migliore per ricaricare le batterie, dopo l'assemblea annuale, che trascorrere qualche ora in compagnia al pranzo sociale.

Matteo Fratangeli
Associazione correlata:
- Alpini
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco