Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.069.675
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Lunedì 21 dicembre 2015 alle 18:17

Merate: al via la riconversione della Diana. Abbattuti tutti gli alberi del grande parco

Da qualche giorno ruspe ed escavatori sono in azione presso l'area ex Diana.
La proprietà, infatti, dismessa ormai da anni l'attività nella sede meratese ha deciso di procedere con lo sbancamento dell'area nel perimetro che si trova a ridosso del parco delle piramidi e del suggestivo viale alberato che si inerpica a nord oltre via San Francesco e a sud fino alla statale.


L'adozione di tale piano era andata in consiglio comunale nell'aprile 2014 e aveva previsto la cessione di 9.200 mq dal privato al comune, oltre alla corresponsione di 230mila euro, per realizzare un parcheggio lungo via San Francesco ed effettuare lavori di canalizzazione delle acque chiare al fine di evitare che si formino grosse pozze d'acqua sul sedime stradale in occasione di forti piogge. Con l'intervento sono previsti 15mila mq (dai 20mila che lo costituivano) a destinazione residenziale.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Ma al di là dei numeri e dei progetti quello che in questi giorni balza all'occhio di chi passa è l'enorme varco che si è aperto: gli alti arbusti, vecchi di decine di anni, dal grande tronco e dal diametro importante, sono stati completamente rasi al suolo, abbattuti uno dopo l'altro. La boscaglia che circondava la proprietà, proteggendola da sguardi indiscreti e rappresentando comunque un pezzetto di verde a pochi passi dal centro, non esiste più.

Ora ci sono ammassi di verde vicino al fabbricato dell'azienda che pian piano i bracci meccanici delle ruspe stanno divorando e abbattendo.


Oggi sulla statale campeggiava ancora l'intramontabile logo "Diana", con il noto "baffo" rosso, che è stato una leggenda nella storia anzitutto del nuoto e delle performances del tessuto abbinate alla muscolatura degli atleti.

Tra qualche giorno, probabilmente, anche quell'ultimo pezzo di storia manifatturiera meratese, sarà solo un cumulo di polvere.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco