• Sei il visitatore n° 494.158.186
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 08 gennaio 2011 alle 18:22

Airuno: la stazione utilizzata come ''rifugio notturno'', il sindaco: personale necessario

Non solo un locale dove i pendolari possono attendere il treno, se non al caldo per lo meno al coperto. Pare che la sala d'aspetto della stazione di Airuno, aperta nel mese di dicembre in base ad un accordo tra Rfi e amministrazione comunale, sia utilizzata saltuariamente anche come rifugio notturno da chi non ha un tetto sotto cui dormire.

La sala d'aspetto dall'interno e dall'esterno


Questo perché non è previsto dalla società ferroviaria che personale di alcun genere sia presente in stazione per aprire e chiudere il locale, né per effettuare pulizie di alcun genere. Un problema per il quale il sindaco Adele Gatti sta cercando una soluzione da tempo. "Siamo soddisfatti di aver dotato la stazione di un locale protetto dove attendere il treno, ma non è accettabile che in un luogo pubblico non sia predisposta una minima sorveglianza, anche solo per segnalare quando qualcosa non funziona" ha spiegato il primo cittadino.

La stazione vista dai binari


"Senza personale che si occupi della pulizia è impensabile anche aprire dei servizi igienici, ma le cose potrebbero cambiare se alcune associazioni del paese fossero disponibili ad occupare, in comodato d'uso gratuito, alcuni locali dello stabile della stazione garantendo in cambio la manutenzione e pulizia degli ambienti e degli spazi pertinenziali dove transitano ogni giorno decine di pendolari". Non sono solo gli airunesi a servirsi della stazione del paese per recarsi a scuola o al lavoro, e il sindaco vuole analizzare la situazione in maniera approfondita. "Farò un'indagine per sapere i volumi di utenza quotidiana della stazione di Airuno, è un dato importante per un confronto con altri scali più grandi dove sorveglianza e pulizia vengono garantiti". Nel frattempo la (fredda) sala d'aspetto resta aperta 24 ore su 24 per pendolari e "inquilini" notturni.
R.R.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco