Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 427.868.538
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 06 novembre 2015 alle 17:52

Con l’agricoltura Renzi gioca con le tre carte e per i piccoli agricoltori il colpo è mortale

"Per l'agricoltura emergono novità negative dalla legge di stabilità in discussione al Senato e che invece - dagli annunci - doveva invece riportare giustizia al settore colpito duramente dallo scorso anno con l'IMU agricola, introdotta nell'aprile 2014 dal Governo Renzi. Era noto che le incessanti e sacrosante proteste degli agricoltori, alle quali la Lega Nord non mai fatto mancare il supporto anche con battaglie emendative in Parlamento, avevano consigliato il Premier a tornare sui propri passi e dunque da tempo a preannunciare la cancellazione dell' odioso balzello. Ma come spesso succede quando si ha a che fare con l'ex sindaco di Firenze, tra un criptico codicillo e l'altro scritti nel testo della legge di stabilità eccoti spuntare due nuove polpette avvelenate per il settore. La prima grave disposizione abolisce dal 2016 il regime IVA speciale per i soggetti con volume d'affari inferiore ai 7 mila euro. E' un norma grave, che tocca i piccolissimi imprenditori, con pochi campi, che magari vendono la produzione a terzi, così come i viticoltori che, per passione, conferiscono uve alle cantine. Stiamo parlando di molti soggetti, presenti anche nella nostra provincia lecchese, penalizzati da questa norma che li costringerà ad aprire una posizione IVA la cui gestione rischia di costare più del ricavato, oppure ad abbandonare l'attività. La seconda pesante disposizione riguarda invece l'aumento dal 7 al 30% del coefficiente di rivalutazione dei redditi agrari e dominicali. La conseguenza è ovvia: essendo l'Irpef proporzionato al predetto coefficiente, ne deriverà un consistente aumento dell'imposta sui redditi degli agricoltori. Questo alla faccia della tanto sbandierata azione di abbassamento delle tasse. La Lega Nord non ci sta a questo gioco delle tre carte di Renzi che prende in giro il comparto agricolo. Io e altri senatori del gruppo del Carroccio in Senato abbiamo già presentato degli emendamenti per sopprimere queste due disposizioni vessatorie. Mi auguro che possano essere condivise e sostenute anche dai parlamentari della maggioranza, ed in particolare da quelli del PD che così avranno modo di confermare nei fatti e non solo a parole di essere paladini difensori del comparto agricolo".

Paolo Arrigoni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco