Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 404.457.890
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/07/2021
Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 23 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 23 µg/mc

Scritto Venerdì 24 dicembre 2010 alle 15:53

Fatture false per 14milioni di euro, 3 soggetti sconosciuti al Fisco, Iva evasa per 1.7mil. Coinvolte tre società di Merate e di Osnago

Il luogotenente Massimo Zisa,
comandante della tenenza di Cernusco
14 milioni di euro di fatture false, IVA evasa per 1,7 milioni di euro, 3 evasori totali, una maggiore base imponibile ai fini Irap per oltre 4 milioni di euro, sono i risultati di un'attività di servizio svolta dalla Tenenza della Guardia di Finanza di Cernusco Lombardone.
L'attività investigativa ha visto il coinvolgimento diretto di nove società, in particolare due hanno la sede in Merate ed una in Osnago ove operano da oltre un decennio. Le altre società coinvolte hanno la sede nell'hinterland milanese, nella bergamasca e nella provincia di Roma.
Tutte le società operavano nel settore edilizio: costruzione di immobili pubblici e privati, esecuzione di appalti pubblici.
Tre delle imprese controllate sono risultate evasori totali, cioè società create al solo fine di emettere false fatture che, dopo un complesso giro, venivano utilizzate dalle società meratesi per far figurare maggiori costi - ovviamente fittizzi -, ed abbattere gli utili e di conseguenza il reddito da sottoporre a tassazione.
A conclusione degli accertamenti, sono stati segnalati alle competenti Autorità Giudiziarie otto persone, per i reati di emissione di fatture per operazioni inesistenti e/o dichiarazione fraudolenta mediante annotazione di fatture false. Due soggetti sono stati denunciati anche per bancarotta fraudolenta, una per riciclaggio, una per favoreggiamento ed una per omessa presentazione della dichiarazione.
La conseguente attività di verifica fiscale, nei confronti delle società del meratese, ha consentito di segnalare all'Agenzia delle Entrate, sino ad oggi, costi non deducibili per oltre euro 2.700.000,00 ricavi non dichiarati per circa 1.300.000,00 una maggiore base imponibile ai fini Irap per oltre euro 4.000.000,00 ed IVA dovuta evasa per oltre euro 500.000,00.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco