Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 389.889.099
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/04/2021
Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 11 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 11 µg/mc
Scritto Mercoledì 12 novembre 2014 alle 19:33

Località ''La Sbianca'': il torrente Molgora rompe gli argini e acqua e fango invadono la carreggiata. Strada chiusa

L'esondazione della Molgora tra via Pilata e via del Calendone ha creato una vera situazione di emergenza in località "Sbianca", al confine tra il territorio comunale di Olgiate Molgora e quello di Merate.

Il torrente ha infatti superato gli argini in un paio di punti e l'acqua ha invaso abbondantemente la strada. Drammatica appare la situazione a Merate, in via del Calendone, poco dopo l'ex passaggio a livello, dove il letto del torrente "curva" repentinamente. Qui la Molgora ha completamente rotto i suoi argini e il manto stradale è temporaneamente il nuovo letto del fiume.

 

La grande quantità di acqua riversata in questo punto, più di mezzo metro, e la forte corrente rendono la situazione molto pericolosa, tanto da aver intrappolato un automobilista in panne con la sua vettura.

Sul posto Vigili del Fuoco, Polizia Locale di Merate e Protezione Civile, stanno cercando di valutare il da farsi. Per il momento la viabilità è stata completamente interrotta su via del Calendone, con barriere in via Pilata e all'altezza della rotonda di Cicognola.




Articoli correlati

M.F.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco