• Sei il visitatore n° 484.529.013
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 03 dicembre 2010 alle 17:24

Lecco: Bonacina subentra a Tricomi alla guida della S.C. di Anatomia Patologica

Edgardo Bonacina
Edgardo Bonacina, 56 anni, è il nuovo responsabile della struttura di Anatomia Patologica dell’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco. Prende il posto del dottor Paolo Tricomi che quest’anno è il sesto responsabile a lasciare il Manzoni per il raggiungimento della pensione. Laureato alla Sapienza di Roma e, successivamente, specializzatosi in Anatomia e Istologia Patologica e Tecniche di Laboratorio conseguita presso l'Università degli Studi di Milano, il dottor Bonacina ha lavorato in passato presso gli ospedali San Raffaele e Niguarda di Milano e presso l’ospedale Civile di Sondrio ed è autore di diverse pubblicazioni scientifiche apparse su riviste italiane ed europee. Al suo attivo anche numerose esperienze di docenza: dal 1994 al 1998 ha tenuto un ciclo di lezioni presso l'Università degli Studi di Milano e l'Università degli Studi di Brescia per le Scuole di Specializzazione Universitaria in Anatomia Patologica, Cardiologia, Chirurgia Toracica e Cardiochirurgia e per il Corso di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Un nuovo e stimolante impegno aspetta il neo responsabile del Manzoni, lo stesso impegno speso dai 54 dipendenti dell’azienda ospedaliera, andati in pensione nel periodo novembre 2009 - novembre 2010, che saranno premiati venerdì 10 dicembre in cerimonia che si terrà alle 17,00 presso la la Sala Conferenze dell’Unione Commercianti di Lecco, in Piazza Garibaldi .“Questo evento festoso è un doveroso riconoscimento a coloro che hanno impegnato una vita di lavoro presso i nostri ospedali, testimoniando attaccamento, passione, partecipazione. A tutti va un caloroso ringraziamento” - ha spiegato il direttore generale Ambrogio Bertoglio, che aggiunge -“ Ad essi tutta la comunità ospedaliera è particolarmente grata, consapevole che il loro impegno, il loro lavoro, spesso svolto in silenzio, rappresenta la chiave di volta per potenziare, innovare e sviluppare i nostri presidi ospedalieri e territoriali”.
R.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco