Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 390.478.053
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 20/04/2021
Merate: 27 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 16 µg/mc
Lecco: v. Sora: 16 µg/mc
Valmadrera: 18 µg/mc
Scritto Martedì 27 maggio 2014 alle 19:17

Giuseppe Procopio: ha pagato il lavoro di cinque anni di rete

iBraccia al cielo alla conferma della  vittoria
Che fosse felice, stra-felice lo si era visto subito quando frenetico, da un seggio all'altro, era stato tra i più attivi a comunicare, quasi con incredulità, che la lista "Più Merate", la sua lista era in vantaggio rispetto al candidato più temuto Silvia Villa. Gli occhi gli brillavano di felicità e poi quelle braccia al cielo in segno di vittoria sono stati il segnale più eloquente. Oggi a 24 ore di distanza dalla certezza della vittoria, Giuseppe Procopio non stenta ad ammetterlo "Sono molto, molto più contento del 2009. In Italia in questo periodo storico le riconferme sono decisamente più difficili. Lo slogan che va per la maggiore è che "il nuovo ha sempre ragione". Quindi la soddisfazione è doppia". Le sue preferenze, 243, hanno dato la distanza a tutti quelli della sua lista ma in realtà quelli che lo avevano scelto erano stati molti di più. 30 schede sono state annullate perché in alcuni casi il suo nome era stato messo accanto al logo di "Prospettiva comune" di Massimo Panzeri o successivo a quello di un altro candidato uomo (Vivenzio e Casaletto) nel non-rispetto delle quote rosa. "La mia campagna elettorale per queste elezioni è iniziata il giorno dopo della proclamazione nel 2009 del nuovo consiglio comunale. Passo dopo passo, giorno dopo giorno ho voluto che il mio obiettivo, essere in amministrazione per servire, si realizzasse. Ho cercato di essere il più presente possibile e di dare la massima disponibilità a chi chiedeva un incontro o un aiuto. Credo che il mio risultato sia il frutto di un lavoro fatto con costanza, tenendo i contatti con tutti dentro e fuori il comune. E la preferenza che mi è stata accordata è un segno anche della fiducia per quanto fatto e per quanto ancora da realizzare. Mi hanno aiutato tantissime persone incontrate nel mondo delle associazioni, i miei genitori, le amicizie storiche, tante famiglie con cui sono cresciuto. Insomma tanti piccoli pezzi che mi hanno fatto ottenere questo risultato straordinario che mi sprona a fare ancora meglio e ancora di più".

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco