Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.138.896
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Venerdì 16 maggio 2014 alle 19:18

Spazio Prevenzione Vs.Lilt: la Maggioni querela Silvia Villa, ''della Onlus Mammovan e altri beni ma la Lega non li ha resi''

In data odierna, la sottoscritta dott.ssa Gabriella Maggioni, in qualità di Presidente e Legale Rappresentante dell’Associazione Spazio Prevenzione onlus di Merate, ha provveduto a presentare, presso la stazione dei Carabinieri di Merate, DENUNCIA QUERELA nei confronti della dott.ssa Silvia Villa nella sua qualità di custode dei beni oggetto di un sequestro giudiziario effettuato nel 2007 nell’ambito dello svolgimento di un contenzioso tra l’Associazione Spazio Prevenzione onlus e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Lecco onlus (di cui la stessa dott.ssa Silvia Villa è Presidente).

Gabriella Maggioni e Silvia Villa

I beni di cui sopra (tra cui camper Mammovan completo di mammografo, autovettura, ecografo, fotocopiatrice, colposcopio, arredi d’ufficio e di ambulatorio ed altri beni) erano stati affidati dal tribunale di Lecco alla dott.ssa Silvia Villa, in attesa di una sentenza definitiva che indicasse la titolarità degli stessi.
Alla luce delle ultime pronunce dei Tribunali, passate in giudicato, che chiariscono che la Lilt , Sezione Provinciale di Lecco onlus, non ha alcun titolo per utilizzare tali beni e ne dispongono la restituzione all’avente diritto, Spazio Prevenzione onlus ha provveduto a inoltrare formali diffide per la restituzione dei beni senza alcun esito.
Di più: tali beni risultano anche essere stati smembrati, forse danneggiati, certamente non più riconducibili alla consistenza materiale nella quale la custode ebbe a riceverli.
I reati contestati nella denuncia alla dott.ssa Villa riguardano: sottrazione e/o distruzione e/o deterioramento di beni oggetto di sequestro giudiziario (p.e p. dall’art. 388, comma 3°, c.p.), appropriazione indebita (p. e p. dall’art. 646 c.p.), inosservanza dei provvedimenti dell’autorità (p. e p. dall’art 650 c.p.), commessi in danno dell’associazione Spazio Prevenzione onlus che mi onoro di rappresentare.
 
Dott. Gabriella Maggioni
Presidente Spazio Prevenzione onlus
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco