Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 388.914.036
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 08/04/2021
Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 13 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15  µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Venerdì 16 maggio 2014 alle 18:48

Montevecchia: soggiornò sul colle nel 1759. Il mondo ricorda MG Agnesi con un doodle

Nel giorno della sua nascita, avvenuta nel 1718, il colosso dei motori di ricerca Google, ha dedicato il suo doodle (logo visibile digitando l'url) a Maria Gaetana Agnesi, nota matematica, filosofa e benefettrice italiana. La pagina del motore di ricerca è stata sostituita da un'animazione che traccia la curva scoperta, altresì chiamata la "versiera", studiata e analizzata proprio da lei.


La "Versiera" di Agnesi è una curva del piano, costruibile sinteticamente attraverso procedimenti geometrici elementari ed esprimibile analiticamente mediante una funzione cubica e caratterizzata da una forma a campana, simile a quella della distribuzione gaussiana. Nell'animazione proposta oggi da Google ci sono elementi geometrici che ricordano le squadre e descrivono proprio la Versiera intorno al ritratto della matematica. Per un errore di traduzione, il lingua anglosassone la curva è conosciuta come "la strega di Agnesi" in quanto il termine Versiera in latino è vicino ad "avversiera", donna malefica e il traduttore inglese la chiamò, appunto, la strega.

La villa nella piazzetta di Montevecchia, in una foto tratta dal sito della proloco

Ma al di là della curiosità e degli aneddoti su tale curva, Maria Gaetana Agnesi, oggi celebrata in tutto il mondo tramite Google, è legata al meratese per tante ragioni. A lei è dedicato il liceo scientifico di Merate ma soprattutto a Montevecchia, proprio ai piedi della scalinata che porta al santuario, c'è la villa dove la
"giovinetta e ottuagenaria" per lungo tempo dimorò. All'esterno della dimora "Agnesi Arbertoni" come ricorda una lapide commemorativa che, da 114 anni, quando cioè i pronipoti Albertoni la commissionarono ed affissero sul pilastro d'ingresso, porta "lustro al nome di lei, all'Italia e gloria cristiana".
Maria Gaetana Agnesi, che si ritirò sul colle nel 1759, era nata da Pietro Agnesi Mariani e da Anna Fortunata Brivio, figlia e erede di Carlo Alfonso Brivio, cugino di Giacomo Brivio Conte di Brochles, feudatario di Montevecchia.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco