Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 382.048.670
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 02/03/2021
Merate: 47 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 34 µg/mc
Lecco: v. Sora: 31 µg/mc
Valmadrera: 33 µg/mc
Scritto Venerdì 09 maggio 2014 alle 08:05

Paderno: il fuochista Franco Zeliani ricorda il lavoro sui treni, l’ultimo giorno 27 anni fa

Franco Zeliani


Lui il ponte di Paderno lo ha percorso tante volte a bordo di un treno, come fuochista sui convogli a vapore che viaggiavano collegando le Province di Bergamo e Milano.
Il padernese Franco Zeliani in occasione della serata promossa a Cascina Maria sul Ponte di San Michele era presente, e ha portato alcune lettere scritte di suo pugno con una vecchia macchina da scrivere. In una saluta un macchinista - se stesso - l'ultimo giorno di lavoro, il 9 maggio 1987, in un'altra invece ripercorre "ricordi e sensazioni di una vecchia ferrovia" scrivendo ai colleghi di lavoro. "Oggi il lavoro del macchinista è molto diverso, io sono stato dipendente presso il deposito locomotive di Milano Centrale dal 1953 al 1987" ha spiegato Franco. "Sul ponte di San Michele sono passato tante volte, ricordo che dovevamo fare attenzione e andare piano sulla curva di Calusco, che soprattutto di inverno era insidiosa. Trasportavamo gli operai delle ditte Breda, Falck, Pirelli, si andava al massimo a 120 Km/h, e ricordo tanti inverni di freddo e la nebbia, che non era come quella di oggi. C'erano dei segnali di avvertimento all'avvicinarsi delle stazioni, ma con la nebbia bisognava contare perché non si riusciva a vedere". Franco Zeliani ha lavorato in tutto il Nord Italia, e proprio la vita del fuochista spesso lontano da casa e in contatto con i colleghi traspare dai suoi scritti. "Ho lavorato su treni a vapore e poi elettrificati, in Piemonte, Liguria e Veneto. Come fuochista era necessario spalare quintali di carbone per far andare il treno, era un lavoro duro di cui oggi molto si è perso".
La vena poetica di Franco lo ha spinto a scrivere la lettera dell'ultimo giorno di lavoro, in cui racconta: "O macchinista, quanta gente hanno visto i tuoi occhi, quanti a scuola ne hai portati di marmocchi, quanti fiori hai visto ad ogni primavera... ma ora, è calata la sera".

In questa lettera ai colleghi sono racchiusi sentimenti e impressioni di una vita di lavoro sui convogli del Nord Italia:

Oggi 9 maggio sono passati 27 anni dall'ultimo giorno di lavoro del fuochista Franco Zeliani, che oggi osserva i treni passare sul Ponte di San Michele ricordando una vita spesa tra convogli e binari.
R.R.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco