Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 394.923.205
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/05/2021
Merate: N.D.
Lecco: v. Amendoa: 7 µg/mc
Lecco: v. Sora: 8 µg/mc
Valmadrera: 8 µg/mc
Scritto Venerdì 21 marzo 2014 alle 20:52

Merate: l’Aido porta sul palco la ''solidarietà e la donazione''. Dagli studenti premiati una grande lezione di vita

GIUSEPPINA SPEZZAFERRI (Assessore alla Cultura di Merate), BRUNO BOSISIO (Presidente AIDO di Merate,
Cernusco Lombardone e Montevecchia ), GIUSTINO COMI (moderatore della serata) e MARILENA
ARNABOLDI (Responsabile Commissione AIDO per le scuole per la provincia di Lecco)

Come ogni anno si è svolta giovedì sera, presso la sala civica del comune di Merate, la serata di premiazione del concorso AIDO, giunto alla sua diciassettesima edizione e finalizzato a premiare i migliori elaborati prodotti dagli studenti sul tema della donazione. A partecipare sono state le seconde medie dell'Istituto Beata Vergine Maria, del Comprensivo Manzoni di Merate e del Bonfanti e Valagussa di Cernusco. Tra i presenti Giusy Spezzaferri, assessore alla cultura di Merate, Bruno Bosisio presidente del sodalizio, Marilena Arnaboldi responsabile della Commissione AIDO scuole della Sezione Provinciale di Lecco e l'immancabile Giustino Comi che ha presentato la serata.

 I ragazzi premiati dei tre istituti

Tra il pubblico gli studenti, i genitori e il corpo docente. Il presidente Bruno Bosisio ha esordito con un breve discorso nel quale ha ringraziato, oltre alle autorità, le professoresse Delia Rigato dell'Istituto Comprensivo Manzoni, Sonia Balossi dell'Istituto Beata Vergine Maria e Luisella Brigatti dell'Istituto Comprensivo Bonfanti che hanno permesso l'attuazione degli incontri dell'AIDO in ben 14 sezioni dei loro istituti (a cui hanno partecipato circa 300 ragazzi) e la coordinazione degli elaborati per il concorso.

GIULIA CAPPUCCI (2C Istituto Beata Vergine Maria) – GABRIELE BIANCHI (2A Istituto Beata Vergine Maria)

GIULIA SEMERARO (2B Istituto Beata Vergine Maria) – MARTA CASATI (2C Istituto Beata Vergine Maria)

NICOLE FUMAGALLI (2C Istituto Beata Vergine Maria) – FEDERICA ROSSINI (2A Istituto Beata Vergine Maria)

Tra questi studenti, 67 hanno aderito al progetto presentando temi, poesie e disegni che rappresentavano due tematiche delicate e importantissime: la solidarietà e la donazione. Il mediatore Giustino Comi, prima di entrare nel vivo della serata, ha fatto un intervento sull'argomento per sensibilizzare il pubblico sulla solidarietà. "La solidarietà è un sostantivo di origine francese e letteralmente significa prendersi cura di qualcuno, dare agli altri; non è solo un concetto astratto, bensì un sentimento concreto. E' un fattore collettivo non individuale e deve coinvolgere tutti noi" e ha concluso con una similitudine efficace e ironica al tempo stesso: "Un po' come nei film western dove si vede sempre che quando appiccano un incendio ad un saloon, tutti gli abitanti si radunano e aiutano il proprietario contribuendo ognuno col suo secchio d'acqua a spegnere le fiamme".

ISTITUTO BEATA VERGINE MARIA: alcuni dei ragazzi vincitori presenti alla premiazione

ANDREA BONFANTI (2A Istituto A.Manzoni) – LAVINIA TESTA (2C Istituto A.Manzoni)

LUCIA BRIGATTI (2B Istituto A.Manzoni) – ALESSIA BOSIA (2C Istituto A.Manzoni)

GAIA PELOSI (2E Istituto A.Manzoni) – KHALIL AMAQRAN (2C Istituto A.Manzoni)

EMANUEL RUSU (2B Istituto A.Manzoni) – ANNA SGARIA e MARGHERITA SCORPANITI (2D Istituto A.Manzoni)

Sulla stessa falsa riga è intervenuta Giuseppina Spezzaferri che ha sottolineato l'importanza della solidarietà come contaminazione e della sensibilità verso il dolore e il bisogno degli altri. Ha chiuso l'overture della serata Marilena Arnaboldi ricordando al pubblico da quanti anni AIDO sia presente (ben quarant'anni) e attiva nella comunicazione alle scuole (quasi da vent'anni), evidenziando l'importanza della divulgazione ai ragazzi del significato di donazione organi.
"Non solo è fondamentale che già i ragazzi delle medie inferiori siano informati sull'attività dell'AIDO e sulla donazione organi, ma che coinvolgano anche i loro genitori nelle discussioni a casa, avvicinando così anche gli adulti, spesso distratti o disinteressati, a questo importante tema".

GIADA STOCOLA (2C Istituto A.Manzoni) - ALICIA PRESTINI (2B Istituto Bonfanti e Valagussa) capogruppo team di quattro ragazze

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALESSANDRO MANZONI: alcuni dei ragazzi vincitori presenti alla premiazione

EMANUELE BONFANTI (2C Istituto Bonfanti e Valagussa) – GAIA CAFORIO (2B Istituto Bonfanti e Valagussa)

La premiazione è poi entrata nel vivo e uno per uno, divisi per scuole, sono stati chiamati sul palco i ragazzi, vincitori nelle diverse categorie, a ritirare il loro premio: un libro raccoglitore di tutti gli elaborati vincenti e un piccolo gadget omaggio. I ragazzi hanno espresso, con sensibilità e fantasia, attraverso le parole e i colori, la loro personale idea di solidarietà e, di conseguenza, di donazione: alcuni hanno affrontato il tema con racconti maturi e toccanti, altri hanno scelto di comunicarlo attraverso piccoli componimenti poetici spesso in rima semplici e incisivi, mentre i più "artistici" l'hanno rappresentato con disegni, fumetti e quadri astratti.

GIANLUCA MASSARA (2C Istituto Bonfanti e Valagussa) – Disegno di NICOLE FUMAGALLI (2C)

Disegno di STEFANO SALA (2C) – Disegno di ANNA SGARIA e MARGHERITA SCORPANITI (2D)

Alcuni divertenti, altri emozionanti, altri ancora commoventi: una riprova che i ragazzi hanno molto da insegnare agli adulti. Un esempio fra tutti, il componimento di Alessia Bosia che con semplicità ci regala una grande lezione di vita.

"Una persona normale
può davvero diventare una persona speciale,
perché capisce che donare significa amare.
In un istante c'è chi purtroppo è costretto a soffrire,
ma qualcuno potrebbe gioire di quel dono pieno d'amore
che ti riporta alla vita e ti riempie il cuore.
E quando una lacrima si trasforma in sorriso,
ciò che è stato un sacrificio diventa un grazie infinito
che finisce per essere amore perché la vita rinasce dal cuore."


ISTITUTO COMPRENSIVO BONFANTI E VALAGUSSA: alcuni dei ragazzi vincitori presenti alla premiazione


Ecco l'elenco completo dei vincitori (con alcuni a parimerito).
ISTITUTO BEATA VERGINE MARIA
Categoria DISEGNO:
1°premio FEDERICA ROSSINI (2A)
2°premio NICOLE FUMAGALLI (2C)
3°premio MARTA CASATI (2C) e GIULIA SEMERARO (2B)
Categoria POESIA:
1°premio GABRIELE BIANCHI (2A)
2°premio GIORGIO FUMAGALLI (2C)
3°premio NICOLO' COLOMBO (2A) e GIULIA CAPPUCCI (2C)

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALESSANDRO MANZONI
Categoria DISEGNO:
1°premio GIADA STOCOLA (2C)
2°premio ANNA SGARIA e MARGHERITA SCORPANITI (2D)
3°premio EMANUEL RUSU (2B) e KHALIL AMAQRAN (2C)
Categoria POESIA:
1°premio GAIA PELOSI (2E)
2°premio ALESSIA BOSIA (2C)
3°premio AMRIN MIAH (2C)
Categoria TEMA:
1°premio LUCIA BRIGATTI (2B)
2°premio LAVINIA TESTA (2C)
3°premio ANDREA BONFANTI (2A) e SILVIA OLIVA (2C)

ISTITUTO COMPRENSIVO BONFANTI E VALAGUSSA
Categoria DISEGNO:
1°premio ALICIA PRESTINI (2B)
2°premio STEFANO SALA (2C)
3°premio ALICE SILVIETTI e MOHSSINE HALOUI (2C)
Categoria POESIA:
1°premio EMANUELE BONFANTI (2C)
2°premio LORENZO MAESTRI (2C)
3°premio THOMAS FERNANDO (2C)
Categoria TEMA:
1°premio GIANLUCA MASSARA (2C)
2°premio GAIA CAFORIO (2B)
3°premio CHIARA RAVASI (2C)

Se desideri ricevere gratuitamente, per uso personale, via mail una copia in formato originale delle fotografie scrivi a fotografie@merateonline.it
indicando il numero o il nome dell'immagine (scorrendo con il tasto destro del mouse alla voce proprietà, indirizzo)

Rossella Mauri
Associazione correlata:
- Aido
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco