Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 438.317.833
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 03 marzo 2014 alle 16:37

Airuno: gambe in spalla e Vittoria Gilardi a 93 anni non si perde la camminata di 3 km

Vittoria con il fratello Carlo

E' stata presentata da Dorina Zucchi, sindaco di Olgiate Molgora, che è stata felice di riconoscerla domenica mattina al banchetto per le iscrizioni presso la stazione ferroviaria di Airuno: Vittoria Gilardi, 93 anni, nata e cresciuta in paese, non ha voluto mancare alla passeggiata organizzata per riscoprire il tratto dismesso di ferrovia, e munita di scarponcini e giacca a vento si è aggregata alla comitiva a fianco di suo fratello Carlo, anch'egli pensionato e residente ad Airuno. "Cerco di essere sempre presente a camminate come questa - ci ha spiegato la signora - anca perchè l'è bela in pian. E dopo tutti quei giorni di pioggia sarebbe davvero un peccato passare una bella mattina come questa in casa." Diplomata all'Istituto Dame Inglesi e impiegata sempre a Merate per ben 37 anni presso l'ufficio registro, Vittoria Gilardi ha tenuto a precisarci di essere completamente autonoma e di aver vissuto gli ultimi trent'anni da pensionata in maniera attiva, anche spostandosi in auto. "Ho la patente dal 1963, sono stata una delle prime. E l'ho ancora oggi! Me l'hanno rinnovata da poco raccomandandomi però di non andare a Milano. Io a Milano? Non ci andrei neanche se mi pagassero! Uso l'auto qui in paese, o nelle immediate vicinanze. Sto benissimo. Se l'ha dì? No, ho mai fa un incident! L'unica roba che go è che ghe senti mia trop da la sinistra. La se sbasa un po a parlà, per piasè." Conquistati dalla simpatia e dalla disponibilità della signora Vittoria le abbiamo chiesto se era possibile farle una foto per il nostro giornale. "Una foto? Noo... De bom..." Ma di fronte alla nostra insistenza ha ceduto, con un sorriso: "Va ben, ma famela de scundom, quan vardi no."  

M.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco