Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 392.948.558
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/05/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Giovedì 27 febbraio 2014 alle 19:59

Valgreghentino: ''recupero'' in Piazza, minoranza contraria

Ha destato non poche critiche in consiglio comunale a Valgreghentino l’adozione del piano di recupero di iniziativa privata nella centralissima Piazza San Giorgio del paese, che consentirà di riqualificare una vecchia palazzina realizzando sei appartamenti, sei box interrati e due posteggi esterni, a fronte della realizzazione di una pista ciclo pedonale e l’allargamento di una strada per un importo di 31.000 €.

L'area interessata. Sulla destra Via Roma


Il sindaco Ernesto Longhi ha spiegato che, per quanto concerne gli standard qualitativi, è stato ottenuto “il massimo possibile”. Netta l’opposizione della minoranza consigliare di Valgreghentino e Villa S. Carlo per le Libertà, che ha criticato la scelta delle opere accessorie al progetto e la pericolosità dell’accesso dei box su Via Roma previsto.
“Si tratta di una posizione già critica per la presenza di altre uscite nelle vicinanze, e con una pendenza superiore al 10%, che creerebbe disagio alla viabilità e pericoli per chi transita lungo la via” hanno spiegato i consiglieri. “Approvando questo piano si mette una pietra tombale su qualsiasi ipotesi di riqualificazione della piazza, e prenderemo in considerazione la possibilità di presentare una osservazione nei termini di legge. La pista ciclo pedonale sorgerebbe in una zona in cui non se ne vede l’utilità e nemmeno l’urgenza. È questo il modo migliore per spendere i soldi pubblici? Non ci sono altre opere più urgenti da realizzare?”
Non è mancata una “stoccata” politica sul fatto che il piano sia servito per trovare una squadra con cui presentarsi uniti alle prossime elezioni.
R.R.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco