• Sei il visitatore n° 467.450.855
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 26 febbraio 2014 alle 23:32

Colico: paga il night con assegni poi risultati rubati, avuti da un conoscente. Condannato

Il tribunale di Lecco
E' stato condannato alla pena di un anno e quattro mesi di reclusione, oltre al pagamento di una multa del valore di 600 euro.
Si tratta dell'esito del procedimento penale celebrato stamani in tribunale a Lecco. Imputato Marco Aquila, difeso di fiducia dall'avvocato Luca Marsigli, chiamato a rispondere del reato di ricettazione, secondo l'articolo 648 del codice penale.
I fatti oggetto del procedimento risalgono al 2007, quando Aquila finalizzò la trattativa legata alla vendita di un tavolo da biliardo. Frequentando alcune sale specializzate nel celebre gioco, l'imputato entrò in contatto con un individuo, noto con un particolare pseudonimo, che si mostrò interessato all'acquisto del biliardo. Raggiunto l'accordo finalizzato alla conclusione dell'affare, Marco Aquila incassò dall'acquirente tre assegni del valore complessivo di 4400 euro. Rassicurato rispetto alla validità dei ''titoli'', utilizzò gli stessi qualche tempo dopo, per effettuare un pagamento presso un night club di Colico.
Presto però, venne alla luce il fatto che i tre assegni erano di natura furtiva, essendo stati rubati. Aquila è finito così a processo con l'accusa di ricettazione.
L'istruttoria dibattimentale ha visto comparire in aula i proprietari dei tre assegni, oltre ad alcuni dipendenti del night club dell'alto lago. Non è stato possibile però, risalire alla persona che dopo aver acquistato il biliardo, consegnò gli assegni rubati ad Aquila, nè alla titolare del locale notturno colichese al momento dei fatti contestati.
Il pubblico ministero d'udienza, Mattia Mascaro, ha chiesto la condanna dell'imputato alla pena di 2 anni e 4 mesi di reclusione, ridotta a 1 anno e 4 mesi nella sentenza finale (grazie alla concessione delle attenuanti generiche).
Il dottor De Vincenzi ha disposto altresì il pagamento di una multa di 600 euro, oltre al risarcimento dell'ex titolare del night club, condizione imposta per la sospensione della pena. Probabile il ricorso in Appello da parte del legale difensore.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco