Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 413.626.602
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 17 febbraio 2014 alle 18:01

Morterone: ritrovate ossa nel cantiere. Il sindaco a processo

Nell'aprile del 2011, durante i lavori di realizzazione di uno scivolo per disabili per accedere al palazzo municipale di Morterone, furono ritrovati resti di scheletri umani segno di un antico cimitero del paese. Nella mattinata di oggi, lunedì 17 febbraio, si è aperto presso il Tribunale di Lecco il processo a carico del sindaco Antonella Invernizzi, imputata insieme all'ingegnere che ha seguito le opere e al rappresentante dell'impresa esecutrice, ai sensi dell'articolo 169 del decreto legge 42/04. In esso si legge che "è punito con l'arresto da sei mesi ad un anno e con l'ammenda da euro 775 a euro 38.734,50 chiunque senza autorizzazione demolisce, rimuove, modifica, restaura ovvero esegue opere di qualunque genere sui beni culturali indicati nell'articolo 10". Vale a dire "le cose immobili e mobili appartenenti allo Stato, alle regioni, agli altri enti pubblici territoriali, nonchè ad ogni altro ente ed istituto pubblico e a persone giuridiche private senza fine di lucro, che presentano interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico". L'avvocato Richard Martini, difensore del primo cittadino, ha sottolineato in aula come l'imputata non sia stata interrogata in merito ai fatti suddetti, nonostante lei lo abbia espressamente richiesto. Il processo è stato rinviato al prossimo 23 giugno.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco