• Sei il visitatore n° 467.215.722
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 03 febbraio 2014 alle 22:39

Osnago, il papà di Markus: ''Il mio piccolo sta ancora male, ha paura e deve subire un altro intervento. La ripresa sarà lunga''

Markus con il papà

"Markus non sta bene, non sta ancora bene. Deve affrontare un altro intervento difficile. È forte ma piange, è spaventato. Io e mia moglie gli stiamo vicino, siamo sempre con lui ma siamo a pezzi".
E' di poche parole Ilie Timis, il papà di Markus il bimbo che giusto una settimana fa (erano le 18.30 di lunedì 27 gennaio) è stato aggredito dal rottweiler del vicino di casa, scappato dal giardino dove era rinchiuso. Il piccolo si trova ricoverato nel reparto di chirurgia pediatrica dell'ospedale Sant'Anna di Como. Le sue condizioni sono migliorate rispetto alle ore successive alla terribile aggressione ma chiaramente il percorso per tornare a camminare e a ritrovare un po' di serenità sarà ancora lungo e doloroso. I morsi di Iron, il rottweiler di Alberto Miotto e della fidanzata, entrambi denunciati per lesioni dovute all'omessa custodia e al malgoverno dell'animale, sono penetrati a fondo nella carne del bimbo di nemmeno tre anni che con la mamma stava uscendo di casa, nel cortile dell'abitazione di Via Pinamonte a Osnago. Markus, strappato dai denti del cane grazie al coraggio di Gerardo Biella e all'intervento dei carabinieri che, con un colpo sparato dal capitano Giorgio Santacroce, hanno fatto allontanare il cane, ha riportato profonde ferite al gluteo, dove la carne gli è stata letteralmente strappata, e alla testa. Ora nel lettino dell'ospedale di Como, circondato dalle cure di medici e infermieri e con la presenza costante di mamma e papà, dovrà fare appello a tutta la forza e al coraggio che i suoi pochi anni gli hanno insegnato.

Iron

Nel frattempo la macchina giudiziaria si è messa in moto. I genitori, infatti, due giorni dopo l'aggressione hanno sporto regolare denuncia presso il comando compagnia di Merate, contro i proprietari dell'animale, attualmente dal veterinario di fiducia, dopo l'intervento cui è stato sottoposto a seguito della ferita da arma da fuoco. Nelle mani del pubblico ministero Paolo Del Grosso, quella sera sostituito temporaneamente dalla collega Cinzia Citterio, c'è ora il fascicolo relativo a tutta la vicenda che, chiaramente, farà il suo iter, in base anche alle condizioni di salute del piccolo.



Articoli correlati
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco