Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 392.906.141
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/05/2021
Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 17 µg/mc
Valmadrera: 14 µg/mc
Scritto Sabato 04 gennaio 2014 alle 17:28

Valgreghentino, Olginate, Pescate, Garlate i presepi raccontano il passato e l’attualità

Tridimensionali e a “360 gradi”, ambientati in particolari “scorci” del paese e degli anni passati, o creati dai più giovani e che richiamano l’attualità con tutte le sue contraddizioni.
Ci sono ancora pochi giorni, durante le festività natalizie, per ammirare i presepi che adornano chiese e oratori da Valgreghentino a Pescate.

VIDEO



A realizzarli sono gruppi di volontari, che mettendo a disposizione la loro manualità e fantasia, impiegano tempo ed energia  per creare piccole, grandi creazioni che donano la gioia e trasmettono la magia del Natale.
Queste le rappresentazioni nel dettaglio:


Valgreghentino: 
I volontari dell’oratorio, all’interno della struttura che si affaccia sulla piazza del municipio, hanno realizzato un presepe a 360 gradi, dove statuine di personaggi e animali sono disposte a diverse altezze, tra anfratti e grotte, su una struttura di legname che occupa l’intera superficie interna.


Le cascine che compongono la parte centrale del presepe, accogliendo anche la Santa Famiglia, si aprono alla vista attraverso finestre e aperture nelle mura e nei tetti, a rivelare stanze contadine perfettamente ricreate, scene di vita quotidiana, scorci e cortili. Il paese con le sue verdi colline è ricreato nell’ambiente di alcune decine di anni fa.


Villa San Carlo:
Come ogni anno il presepe dei volontari incanta chi entra in chiesa, stagliandosi con le sue cascine ricostruite e ricche di dettagli. L’ispirazione è giunta quest’anno da una zona del paese che ancora conserva il fascino della vita contadina di un tempo: la corte di Parzanella Superiore.


Dall’antico lavatoio alla scala in legno, al fieno steso ad asciugare, il cortile è ricreato nei minimi dettagli e animato con i personaggi caratteristici del presepe.

Olginate:
Anche qui l’ispirazione per i volontari arriva dal paese, e precisamente dalla “Cuntrada del Frècc” con il suo caratteristico “Bottegone” e i caseggiati adiacenti, un tempo dimora signorile dei Calchi e dei Testori con la Torre del 1400. Gesù nel presepe viene alla luce tra questa e il Bottegone, che per tantissimi anni ospitò l’osteria “il Trani” perfettamente ricostruita negli interni.

La torre, che presenta anch’essa personaggi all’interno, fu rifugio per gli abitanti e parte del sistema di fortificazioni eretto a difesa del passaggio dell’Adda. In questa area del paese, una delle più antiche, sorgeva l’attracco del traghetto che nel 1787 fu spostato da Piazza Garibaldi a una cinquantina di metri più a monte, in una insenatura della “Contrada Calchi”.


Garlate:
In chiesa, accanto al tradizionale presepe con la Sacra Famiglia in una teca in vetro e un presepe in legno, è posto un presepe molto particolare e decisamente ispirato all’attualità. L’hanno costruito, con materiali di riciclo e tanta fantasia, i ragazzi della scuola secondaria di primo grado.


Rappresenta una Betlemme moderna e violenta, dove intorno alla nascita del Salvatore i personaggi (rappresentati con i Lego) si sparano nelle strade, sono allo stadio a vedere la partita di calcio (con tanto di elicottero di sicurezza che sorvola lo spazio), muoiono sulla spiaggia mentre un gommone delle forze dell’ordine pattuglia il mare aperto. Al centro il Bambino, che porta una speranza in tanta indifferenza.


Pescate:
Qui il presepe è circondato dai monti lecchesi, e rappresenta la Natività nel paesaggio caratteristico del paese.

R.R.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco