Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 404.719.845
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 25/07/2021
Merate: 16 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 17 µg/mc
Lecco: v. Sora: 3 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc

Scritto Giovedì 21 novembre 2013 alle 19:15

Valgreghentino: 25 anni per i Picett del Grenta, il 24 la festa

Sarà festa grande a Valgreghentino nella giornata di domenica 24 novembre, quando il gruppo folclorico dei "Picett del Grenta", conosciuti ben oltre i confini del paese, festeggerà il 25° anniversario della sua fondazione. Durante la giornata sono in programma una Santa Messa alle ore 10.00 presso la Chiesa Parrocchiale di Valgreghentino, un aperitivo presso la sede dei Picett del Grenta alle 11.30 e alle 12.30 un pranzo a Santa Maria Hoe'.
Il gruppo dei Picett del Grenta è nato nel 1988, su iniziativa di un gruppo di grandi amici amanti delle tradizioni popolari della loro Brianza. Decisi a mantenerne viva la memoria storica e a portarla a conoscenza del resto del mondo, l’hanno trasformata in note e melodie con i caratteristici flauti di pan, e ora rallegrano eventi e festività nell’intera Provincia. Il gruppo fonda i suoi valori principalmente sull'amicizia, la solidarietà, l'amore per l'Italia, la propria terra di Brianza e per la musica.
Il loro legame con la “terra” è così profondo che il gruppo prende nome dal soprannome dei valgreghentinesi e si denomina “ I Picétt del Grenta”, ovvero i Pettirossi del Grenta.

Una recente immagine dei Picett del Grenta, per la campagna Telethon


Amano la musica e il canto e il loro strumento, l’aerofono più antico della storia della musica, il Flauto di Pan. Armati d’amore e volontà si esercitano, raccolgono frammenti e documenti musicali, li rielaborano, ne compongono di nuovi, arrangiano brani d’ opera, ballabili, “evergreen” e inediti. Quasi avessero ricevuto l’investitura di depositari della tradizione strumentale e canora della Brianza, d’Italia e del mondo vantano un repertorio vasto, ricco e spesso non semplice, che li ha fatti conoscere e apprezzare anche al di fuori dei confini nazionali.
Molte sono state le uscite, tanti i viaggi, numerose  le apparizioni ad emittenti televisive, frequenti le presenze a festival internazionali del folclore in rappresentanza dell’Italia. Hanno registrato ben 8 CD, edito un libro in occasione del decennale di fondazione e prodotto in collaborazione con la Comunità montana del Lario orientale  un DVD in concomitanza del  XX° compleanno del Gruppo.
L’avere avvicinato ambasciatori, presidenti di organizzazioni di rilevanza mondiale, e capi di stato, aver eseguito i loro brani  accompagnando le funzioni religiose davanti all’effige della Madonna nera di Czestokowa, o alla Grotta di Lourdes, o al Santuario di Fatima, nonché in molti altri luoghi consacrati,  ha lasciato nei loro occhi e nel cuore ricordi indelebili e importanti. Ma forse l’incontro in assoluto più unico ed emozionante è avvenuto durante la visita a Roma nel 1989, quando i Picett hanno suonato, cantato e si sono commossi alla presenza di Giovanni Paolo II.
Domenica sarà festa per un gruppo che da 25 anni porta il nome di Valgreghentino con orgoglio molto lontano dai suoi confini.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco