• Sei il visitatore n° 506.733.919
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 08 novembre 2013 alle 17:51

Garlate: alunni stranieri censiti servizio scuolabus da 'rivedere'

Un “censimento” dei bambini stranieri a scuola che aiuti a comprendere le dinamiche sociali legate alla presenza in paese di famiglie provenienti da altri Stati, e possa aiutare a predisporre per loro iniziative mirate ad una maggiore integrazione.
Questa la principale novità del Piano per il diritto allo studio di Garlate, presentato dall’amministrazione in assise consigliare nella serata di martedì 5 novembre. L’anno scolastico 2013/2014 si è avviato con una classe in più (una prima) alla scuola primaria, e sarà caratterizzato dai lavori di ampliamento della struttura avviati negli scorsi giorni.

Lavori in corso alla scuola primaria


Nelle scuole del paese la presenza di bambini stranieri è pari al 12% nella scuola dell’infanzia (8 bimbi su 65), il 14.8% alla primaria (19 su 128) e il 12.2% tra i ragazzi della secondaria di primo grado che frequentano la scuola di Olginate (6 su 49). “In questo conteggio non rientrano i figli di coppia mista o chi ha conseguito la cittadinanza italiana” ha spiegato il vice sindaco Giuseppe Marincola. “Gli alunni stranieri non hanno difficoltà tanto a scuola quanto a casa, e in tante famiglie si crea la situazione per cui i figli imparano l’italiano e s integrano mentre i genitori no. Da qui l’importanza di una conoscenza maggiore delle realtà presenti in paese, anche per promuovere iniziative come il corso di lingua per stranieri in collaborazione con l’Eda”.
Il comune di Garlate copre il 90% della spesa prevista per le attività e i progetti delle scuole, vale a dire 136.839 euro su 152.139 euro. Una percentuale in aumento rispetto agli anni precedenti (85% la copertura l’anno scorso) e che include sostegno al programma educativo, manutenzioni, acquisto di materiali, il mutuo per i lavori, i servizi mensa e trasporto.


Proprio quest’ultimo capitolo (37.000 € la spesa prevista, di cui 25.700 € a carico del comune) ha visto i due gruppi politici confrontarsi su una proposta del consigliere di minoranza Fabio Ortelli: quella di gestire il servizio in proprio, con un pullmino acquisito dal comune a tale scopo e grazie all’aiuto dei volontari. In paese nessuno dei bambini della scuola dell’infanzia utilizza il trasporto, mentre sono una ventina quelli della primaria che salgono ogni giorno sullo scuolabus e una quarantina della scuola “media” si reca a Olginate con tali mezzi. “Far muovere i mezzi per pochi bambini è un costo, il Piedibus c’è e funziona bene, si può pensare ad una maggiore sensibilizzazione in questo senso e a gestire il servizio trasporto in proprio, magari con l’ausilio dei lavoratori socialmente utili” ha spiegato il consigliere Ortelli. Una proposta che l’amministrazione ha accolto positivamente e sulla quale effettuerà precise valutazioni. 
Il capo gruppo di maggioranza Mattia Morandi ha sottolineato come, nonostante l’incertezza normativa che ha determinato tempi lunghi per l’approvazione del piano studio e i continui tagli ai comuni, l’amministrazione dimostri con i numeri e i fatti l’attenzione verso la scuola.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco