• Sei il visitatore n° 474.782.969
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 05 agosto 2013 alle 16:11

Stagione balneare 2013 - presenza di alghe potenzialmente tossiche

In occasione della segnalazione di alcuni cittadini di alterazione della colorazione dell'acqua in diverse zone della superficie del lago, probabilmente dovuti a fioritura algale, il giorno 31 luglio 2013 sono stati effettuati dei campionamenti in 3 punti significativi (Bellano Lido di Puncia, Perledo Riva di Gittana e Dervio).
Le analisi microscopiche condotte hanno evidenziato la presenza di alghe (cianobatteri) potenzialmente tossiche in concentrazioni superiori ai limiti previsti dalla normativa vigente.
Una fioritura è determinata dalla rapida (24-48 h) moltiplicazione dei cianobatteri fino a raggiungere la concentrazione di milioni di cellule per ogni litro; affinché ciò si verifichi devono sussistere delle condizioni ambientali e climatiche particolari che, nel caso delle specie coinvolte in questa fioritura, sono: rimescolamento delle acque con accumulo di nutrienti (fosfati organici) a seguito di forti temporali e successivamente l'instaurarsi di un periodo prolungato di bel tempo con elevato irraggiamento solare, elevata temperatura dell'acqua e acque relativamente calme. 
Anche se i campionamenti effettuati non rappresentano tutte le zone oggetto del monitoraggio periodico per la valutazione della balneabilità, è probabile che il fenomeno possa essere diffuso a tutto il lago di Lecco in quanto le masse algali o parte di esse, grazie anche ai venti ed alle correnti, possono spostarsi e quindi comparire in più siti.
Si ritiene pertanto necessario avvisare la popolazione del rischio, affinché verifichi lo stato dell'acqua evitando di immergersi in presenza di acque torbide, schiume o mucillaggini, o con  colorazioni anomale.

E' comunque buona norma, a tutela della salute, adottare i seguenti comportamenti:
 
·         evitare di ingerire acqua durante il contatto con acque di balneazione;

·         fare la doccia appena usciti dall'acqua provvedendo ad asciugare completamente tutto il corpo, con particolare riguardo alla testa;

·         sostituire il costume dopo il bagno.

Si sottolinea che il contatto con acque contaminate da cianobatteri potrebbe provocare diversi effetti tra i quali: irritazione delle vie respiratorie e degli occhi (come riniti, asma, congiuntiviti, tosse) o disturbi gastrointestinali.

L'andamento della fioritura verrà tenuto costantemente monitorato e nei primi giorni della settimana entrante verranno effettuati campionamenti in tutti i punti previsti dal piano di monitoraggio delle acque di balneazione del lago.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco