Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 399.359.555
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/06/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 20 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc

Scritto Mercoledì 29 maggio 2013 alle 10:00

Abbattuto il cervo che nel 2010 caricò e uccise un 59enne

Il cervo che nell'ottobre 2010 aveva caricato e ucciso un podista di 59 anni che stava passeggiando nei boschi sopra Valgreghentino, è stato abbattuto. Dopo il nulla osta della procura della Repubblica di Lecco un veterinario dell'Asl ha proceduto a uccidere l'animale che, stando alle risultanze, era pericoloso per l'uomo poichè, cresciuto in cattività, non era in grado di distinguere tra un suo simile e le persone e dunque tutti rappresentavano per lui soggetti "invasivi". Il cervo si trovava in una riserva del Parco dei Resinelli ma anche qui, secondo le autorità, la sua pericolosità sarebbe stata tale da mettere a rischio l'incolumità di altre persone. La decisione, come si può immaginare, sta già destando polemiche e reazioni soprattutto da parte di chi riteneva che l'animale, lasciato nel suo habitat, avrebbe dovuto avure il diritto di sopravvivere.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco