• Sei il visitatore n° 98.710.757
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
 
redazione
Via Carlo Baslini 5
Merate (Lc)

Tel. 039 990.28.81
Fax. 039 990.28.83
P. Iva 02533410136

I nostri nomi
link utili
bandi e concorsi
annunci di lavoro
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 12/05/13

Merate: 10 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 09 µg/mc
Lecco: v. Sora: <9 µg/mc
Valmadrera: 7 µg/mc
Moggio: 3 µg/mc
Scritto Giovedì 07 luglio 2005 alle 18:43

Frate Illuminato è il nuovo `guardiano`
di Sabbioncello. Un ritorno alle origini

Fra’ Illuminato, all’anagrafe Fabio Colombo, è il nuovo guardiano del convento di Sabbioncello, dopo la “reggenza” di Padre Giuseppe Dell’Orto. Un passaggio di consegne che ha suscitato non poca felicità nel nuovo arrivato, tornato dopo diversi anni nella culla della sua vocazione.
Entrato in collegio a 9 anni, Fra’ Illuminato, 64 anni fra qualche giorno (11 luglio), nativo di Monticello di Olgiate, è stato ordinato sacerdote il 26 marzo del 1966 e, dopo due anni a Roma, ha peregrinato fra Busto Arsizio, Monza, Milano (dove tre decenni) per poi approdare a Sabbioncello, al convento dei frati minori.

 

 

Fra` Illuminato nel chiostro di Sabbioncello

 

Come è nata la sua vocazione?
Guardando i frati passeggiare per le strade (ride, ndr). Durante la seconda guerra mondiale i miei genitori gestivano un’osteria e mi avevano dunque mandato dai nonni qui nei pressi di Merate. La sera, in alcuni giorni della settimana, i frati giovani erano soliti passeggiare per le strade del paese e io ero affascinato dalla loro figura.

 

Che importanza ha avuto il convento di Sabbioncello con la sua esperienza?
Direi importantissima. La sorte ha voluto che ho fatto la cresima proprio in questa chiesa, caso rarissimo ma dovuto al fatto che, in quell’anno, era appena tornato un frate dalle missioni e il cardinale Schuster lo aveva autorizzato ad amministrare il sacramento. Qui sono stato cresimato e qui è nata la mia vocazione.

 

 

Il vigneto

 

Ce la racconti.
A nove anni sono entrato in collegio a Saiano, in provincia di Brescia. Il mio desiderio di diventare frate era determinato. Lì ho frequentato le medie e le prime classi del ginnasio, finchè il 26 marzo del 1966 sono stato ordinato sacerdote in duomo. Poi sono stato inviato a Busto Arsizio, Roma, Monza e Milano. E infine sono tornato a Sabbioncello come guardiano.

 

Di cosa si occupa il frate “guardiano”?
Ha il compito di animare la vita della comunità, specie nei momenti di preghiera e di scambio di comunicazione con gli altri. È inoltre il referente con le istituzioni esterne.

 

 

L`orto

 

Ci racconti la giornata tipo di un frate.
La mattina il primo atto è alle 6.20 con l’ufficio delle letture e le lodi, cui segue a orari differenti la celebrazione della santa Messa. Nel corso della giornata ognuno si dedica alle sue attività. I frati sacerdoti preparano le omelie, confessano i fedeli mentre i non ordinati si dedicano a occupazioni come l’assistenza ai poveri, l’ascolto, il contatto con le famiglie. A mezzogiorno, prima del pranzo, si recita l’ora media cui segue un momento di fraternità dove, attorno a un tavolo, si parla, si scambiano opinioni, insomma come in una famiglia ci si confronta. Nel pomeriggio dopo l’ora di silenzio, si riprende con le attività, e alle 18 è stabilita la recita del Rosario con i fedeli. Alle 19.30-19.45 si cena e, dopo un altro momento di comunità, molti si ritirano e chi invece ha dei gruppi da seguire o degli incontri da tenere vi si dedica. Qui siamo in 22 ma molti sono quelli malati o che comunque hanno problemi a muoversi.

 

Qual è la missione di un frate oggi?
Riuscire a riprodurre nella vita quotidiana odierna lo stile di San Francesco che è poi ciò che mi ha spinto a scegliere quest’ordine piuttosto che un altro. Se rinasco un’altra volta sono sicuro che sceglierei sempre questa strada. La gente, d’altronde, vuole bene a noi frati proprio perché vuole bene a San Francesco.

 

 

Cosa può dare un frate alla società di oggi?
Due cose. Anzitutto una fraternità seria e poi la serenità, la pace, la vera letizia.

 

Cosa le ha dato di più la sua missione?
L’incontro con le persone.

 

Un’ultima domanda: perché la scelta dell’appellativo Fra’ Illuminato?
Un tempo si usava cambiare il nome una volta che si facevano i voti. Per tradizione si dava il nome di frati che erano morti e la priorità di scelta spettava ai più anziani che, chiaramente, si sceglievano i nomi più belli. Quando è stato il mio turno avevo solo tre possibilità: Pio, Teofilo o Illuminato. La scelta è stata abbastanza scontata. (ride, ndr)


SV
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco