• Sei il visitatore n° 476.815.993
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 16 ottobre 2010 alle 09:13

Strada ''panoramica'' e Parco: riflessioni

Gentile redazione, con riferimento all'incidente mortale di ieri 14.10.2010, all'interno della panoramica montevecchia-sirtori e alla nota a latere dell'articolo riguardante le sbarre; in qualita' di residente vorrei esprimere le mie opinioni in merito. Premetto che il mio primo pensiero va' al ciclista deceduto, oggi identificato, e alla sua famiglia alla quale mi sento vicino e faccio le mie condoglianze.

1. Incidenti di questo tipo saranno sempre piu' frequenti. i ciclisti affrontano sforzi fisici, es: salita dalle quattro strade, e/o quella del lissolo, spesso senza alcuna prevenzione sanitaria o peggio conoscenza del proprio stato fisico. stando all'interno di casa mia, odo di frequente l'urlo liberatorio dei ciclisti che completano la salita. un urlo inquietante, eseguito talvolta con le forze fisiche residue e quindi con i rischi associati. credo ci sia una insufficente educazione sportiva di base, in tutti i sensi.

- Nella zona ci sono tanti negozi sportivi che fanno affari per la vendita di articoli sportivi; biciclette, scarpe, tute ecc. ma non mi risulta che esista un centro dedicato informativo e/o di controllo preventivo sportivo sanitario.

2. Non mi rivolgo a nessuno in particolare ma colpevolizzare in qualche modo le sbarre che impediscono l'accesso al traffico motorio nella via panoramica e' un modo che reca danno al parco e a chi tutti i giorni si impegna per mantenerlo, spesso senza retribuzione alcuna. - a difesa del perimetro del parco ci sono altri punti dove sono installate le sbarre.

3. Le sbarre poste all'ingresso delle due direzioni tutelano in qualche modo l'area naturale del parco, nonche' la fauna che vive in quei luoghi. protetti dalla normativa europea, normativa che invito i cittadini e in particolar modo agli sportivi a conoscere e consultare: - dir 79-409 direttiva uccelli - dir 92-43 cee direttiva habitat naturali aggiornata la strada in questione e' inclusa in un perimetro sic-sito di interesse comunitario. pertanto asservita ai mezzi d'emergenza.

4. Essendo la strada in questione di proprieta' o denominazione provinciale, figura sui satellitari. per cui chi transita da questi luoghi, si trova segnalata come via piu' breve o preferenziale da seguire; proprio la via panoramica, permettendo a camion e tir di attraversarla, come ho fotograficamente documentato quando era aperta. le indicazioni dei satellitari, rappresenta una lacuna che andrebbe rettificata al piu' presto.

Concludo suggerendo quanto segue:

a) Cancellare la via panoramica come strada,satellitari compresi, eccetto al transito dei veicoli di soccorso della zona ; pompieri, ambulanze, ecc. mi risulta difficile credere che, chi di dovere, nell'installare le sbarre non si sia premurato di fornirne copia delle chiavi a tutti gli enti avente diritto.

b) Istituire un punto/centro sanitario preventivo, presso il quale sia possibile: - reperire materiale informativo che sia in grado di fornire una educazione sportivo-sanitaria. - programmare corsi appositi. - istituire un controllo/centro medico preventivo, presso il quale sia possibile recarsi per eseguire dei controlli mirati. - autolettiga di prontosoccorso dedicata nei w-end, con tutti i pass necessari dedicata agli incidenti che si potrebbero verificare all'interno del parco.

Questo sarebbe , base minima, che auspico venisse implementata. limiterebbe sicuramente gli incidenti, in ogni caso non li eliminerebbe mai del tutto.

Quanto alla via panoramica; personalmente spero che continui ad essere un punto di scavallamento, usato dalla fauna, tra valle santa croce e le sorgenti del curone. e se viene usata talvolta anche per attraversamenti podistico e ciclistico, purche' con un minimo di conoscenza delle proprie condizioni fisiche, pazienza.

Grazie dell'attenzione
AdrianoB - RESIDENTE
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco