Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 392.947.432
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/05/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Venerdì 17 maggio 2013 alle 18:46

Valgreghentino: rubati i soldi raccolti dei genitori per lo stadio

Sono entrati in una abitazione di Villa San Carlo e hanno sottratto i soldi che i genitori dei bambini do Valgreghentino avevano raccolto per la gita di domenica allo stadio San Siro, nell’ambito dell’iniziativa “Io Tifo Positivo” che sta coinvolgendo alcune classi della scuola primaria del paese. Ammonta ad alcune centinaia di euro il bottino di ignoti malviventi che sono entrati in azione nei giorni scorsi nella frazione di Valgreghentino, dove sono scomparsi anche un televisore e una console di gioco. Ma a dispiacere più di tutto è stato il furto del denaro per la “gita” di domenica. I genitori dei bambini sono stati contattati per contribuire nuovamente alle spese necessarie per la “trasferta” sportiva, ultimo step di un percorso educativo sulla correttezza nel tifo sportivo e il rispetto dell’avversario in campo. Continuano dunque gli episodi di furto ai danni di abitazioni in paese, e ai residenti non è rimasto altro da fare che rivolgersi alle forze dell’ordine per denunciare l’accaduto. Risale allo scorso aprile la “razzia” di biciclette e moto all’interno di alcuni garage in Via Caravaggio, non lontano da dove si sono verificati i nuovi furti. Continua nel frattempo in paese la raccolta firme promossa dalla minoranza consigliare di “Valgreghentino e Villa San Carlo per le Libertà” per richiedere l’installazione di videocamere in paese, che conta circa 400 sottoscrizioni. Una misura cautelare, quella di “occhi elettronici” agli ingressi del paese, indispensabile a detta della minoranza per rintracciare i responsabili di reati commessi sul territorio comunale e non solo. L’argomento è stato più volte sollevato anche in sede di consiglio comunale, in occasione del confronto sul bilancio consuntivo del 2012. Ma il loro appello per il momento non ha ottenuto la risposta sperata. 
R.R.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco