Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 373.523.523
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 14/01/2021
Merate: 59 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 41 µg/mc
Lecco: v. Sora: 33 µg/mc
Valmadrera: 38 µg/mc
Scritto Giovedì 18 ottobre 2001 alle 16:16

IL SARTIRANESE PADRE NICOLA MAPELLI IN MISSIONE NELLE FILIPPINE STA BENE

Paura e apprensione per il sacerdote meratese del Pime in missione nelle Filippine dove è stato rapito un prete dehoniano

Lunedì prossimo sarà in onda su Italia 1

Padre Nicola Mapelli

Sono ore di tensione per Alessandro e Virginia Mapelli, genitori del sartiranese Padre Nicola, missionario del Pime - Pontificio Istituto Missioni Estere - nelle Filippine.
E' di ieri sera infatti la comunicazione che il sacerdote dehoniano Padre Giuseppe Pierantori, è stato rapito dai guerriglieri mussulmani mentre celebrava la Messa nella sua missione dell'isola di Zamboanga, a sud delle Filippine, dove si trova anche Padre Nicola Mapelli. Dall'Asia giungono però notizie confortanti per il missionario di Sartirana che si trova sulle montagne dell'isola, a diversi chilometri di distanza dal luogo del rapimento. "Abbiamo saputo del rapimento questa mattina, giovedì 18 ottobre - ha raccontato la mamma del prete - ma fortunatamente mio figlio sta bene e non è stato coinvolto negli ultimi episodi di violenza che affliggono il paese". La preoccupazione comunque rimane al pensiero di un figlio che vive dove le lotte tra cristiani e mussulmani hanno già provocato diversi morti.Tre anni fa solo il destino ha voluto che Padre Nicola non venisse rapito. Al suo posto fu preso il compagno del missionario meratese. I rivoltosi lo tennero nascosto per tre mesi prima di liberarlo. Da qui la decisione dei responsabili del Pime di spostare i loro preti in zone più sicure e tranquille, dove i cristiani sono numericamente maggiori così da scoraggiare incursioni da parte dei soldati musulmani. "Mi diceva - ha detto la madre - che doveva andare in giro con la scorta armata e insieme ai soldati".
"Ho sentito Nicola - ha continuato a spiegare la mamma - lunedì scorso. Mi ha telefonato lui". Quando ne ha la possibilità infatti Padre Nicola si reca in città dove riesce a trovare un telefono per mettersi in contatto con i suoi. "Mi ha detto - continua la madre del giovane missionario - che quando può guarda Merateonline: è un modo per tenersi informato su quanto succede da noi e per sentirsi più vicino a casa. Spero che legga questo articolo e sappia che qui preghiamo tutti per lui".
Nei giorni scorsi una troupe televisiva di Italia 1 si è recata sul posto per girare un servizio su quanto sta accadendo nelle Filippine. Ha intervistato anche Padre Nicola. Le riprese dovrebbero andare in onda lunedì prossimo, il 22 ottobre alle 22.30.
Padre Nicola, giovane trentaduenne, è sacerdote del Pime da sei anni. Da quando è stato ordinato prete ha sempre svolto il suo compito nelle Filippine, tornando a casa raramente e per periodi non molto prolungati. Ha studiato teologia per prepararsi al sacerdozio presso il seminario del Pime a Monza.
D.D.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco